Più libri più liberi, con 650 incontri e cento mila presenze la Piccola e Media Editoria diventa grande

Mercoledì 21 Novembre 2018
La Fiera della Piccola e Media Editoria, Più libri, più liberi, alla Nuvola
Dopo l'edizione record del 2017, con oltre 100 mila presenze, torna alla Nuvola e si fa sempre più internazionale Più libri più liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, che dal 5 al 9 dicembre ospiterà 530 espositori (l'anno scorso erano 490) e 1.200 relatori in 650 incontri.

La manifestazione, arrivata alla 17esima edizione, ma alla sua seconda alla Nuvola di Fuksas all'Eur, cresce e rilancia guardando al nuovo umanesimo, che sarà il filo rosso del 2018. E punta con sempre più attenzione ai giovani lettori con l'introduzione di un buono libro di 10 euro per 10 mila ragazzi, lanciato dalla Regione Lazio con lo stanziamento di 100 mila euro.

La fiera s'inaugura alla presenza del sottosegretario Vito Crimi e nel pomeriggio del 5 dicembre è prevista la partecipazione del ministro dei beni e attività culturali Alberto Bonisoli che sarà protagonista dell'incontro con Paolo Conti dedicato a
Lettura: primo motore della cultura. Nel giorno d'apertura grande attesa per l'arrivo di Abraham Yehoshua e nel giorno di chiusura Enrico Mentana presenterà Open, il suo nuovo giornale online.

Tanti gli autori internazionali fra i quali Joe R. Lansdale, lo scrittore e poeta dissidente camerunense Patrice Nganang con
La stagione delle prugne (66thand2nd) e la brasiliana Monica Tereza Benicio, compagna dell'attivista Marielle Franco, assassinata lo scorso marzo a Rio de Janeiro. «Sono quasi 5 mila i piccoli e medi editori italiani, coprono più della metà della produzione editoriale. Per l'Associazione Italiana Editori Più libri più liberi è un appuntamento decisivo nel corso del'anno. L'Aie il prossimo anno compirà 150 anni e li festeggeremo qui a Roma, a settembre», ha detto il presidente Ricardo Franco Levi che ha fatto un «appello al governo perché la 18App (l'aiuto ai ragazzi che compiono 18 anni per poter acquistare libri) diventi esecutiva».

E il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio ha annunciato:
«Quest'anno raddoppiamo il nostro intervento a Più libri più liberi. Mettiamo altri 100 mila euro a disposizione, destinati a dei buoni libri per gli studenti delle scuole primarie e secondarie. Saranno così 10 mila i ragazzi che entreranno alla fiera con il buono per acquistare un libro».

Alla Nuvola anche Michael Dobbs con
Il giorno dei Lord (Fazi), primo capitolo di un nuovo ciclo fantapolitico, l'attivista turca Pinar Selek, autrice di Una casa sul Bosforo (Fandango) e Valerio Mastandrea che leggerà pagine dello scrittore e politico turco, condannato all'ergastolo, Ahmet Altan, pubblicato in Italia da e/o, del quale sarà presente la compagna Yasemin Congar, giornalista. E Mikael Niemi, l'autore di Cucinare un orso (Iperborea) che in Svezia ha superato le 700 mila copie.

Annunciato alla fiera anche Beppe Grillo che parlerà del libro
Palermo Connection (Fazi) con l'autrice Petra Reski. Fra gli italiani torna Andrea Camilleri che chiuse l'edizione 2017 della fiera. E poi Gianrico Carofiglio, Paolo Giordano, Dacia Maraini e Nada. Ampio spazio al graphic novel con Zerocalcare del quale al Maxxi di Roma si può vedere, fino al 10 marzo, la prima personale Scavare fossati. Nutrire coccodrilli ed è attesa Ilaria Cucchi che presenterà con Carlo Bonini Il Buio. La lunga notte di Stefano Cucchi (Round Robin) di Emanuele Bissantini, Floriana Bulfon, Domenico Esposito e Claudia Giuliani.

«Parleremo di quello che vuol dire umanità. Rimettere l'uomo al centro. È cresciuta anche la collaborazione con il mondo delle scuole, tanto che quest'anno abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni un mese prima», ha spiegato la presidente di Più libri più liberi, Annamaria Malato, del programma curato da Silvia Barbagallo. «Il costo di questa edizione sfiora i 2 milioni di euro. I contributi pubblici (Mibac, Regione Lazio, Roma Capitale, Unione Europea) sono di 430 mila euro», ha spiegato il direttore di Più libri più liberi, Fabio Del Giudice. Ultimo aggiornamento: 21:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti