Il saggio sulla cucina iglese di George Orwell rifiutato: dopo 70 anni il British Council chiede scusa

Domenica 17 Febbraio 2019
Orwell ai microfoni della BBC
A distanza di oltre 70 anni il British Council chiede scusa a George Orwell (1903-1950) per averlo bocciato come critico gastronomico rifiutando un suo saggio sulla cucina britannica. All'apice del successo, l'autore di «La fattoria degli animali» e «1984» fu incaricato nel 1946 di scrivere «British Cookery», una monografia per promuovere la cultura culinaria britannica all'estero. Ma una scoperta negli archivi londinesi del British Council ha rivelato che dopo aver commissionato il saggio, l'ente rifiutò di pubblicarlo, spiegando a Orwell che era «problematico» parlare di cibo in «un periodo di razionamento» in seguito alle conseguenze della seconda guerra mondiale. Ma forse i motivi della bocciatura furono altri, soprattutto le malcelate critiche di Orwell verso alcuni piatti tipici della cucina nazionale, compreso il celebrato pudding, la marmellata di arance e il plum cake. Il romanziere non esitò a scrivere di «dieta semplice, piuttosto pesante, forse un po' barbara» a proposito della gastronomia inglese, perchè fino ad allora aveva puntato troppo sullo zucchero e sui grassi animali. Più di 70 anni dopo quella bocciatura, il British Council è «lieto di fare ammenda» per aver rifiutato un saggio del grande scrittore britannico, che ora compare nella sua versione integrale sul sito internet dell'istituzione. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma