Festa del Cinema di Roma dal 14 al 24 ottobre. Red carpet distanziato, premi a Tim Burton e Quentin Tarantino

Stamattina la presentazione dell'evento in programma dal 14 al 24 ottobre: attesa per "Vita da Carlo" di Verdone, il documentario su Gigi Proietti e l'omaggio a Monica Vitti

La presentazione della Festa del Cinema di Roma
6 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Ottobre 2021, 12:03 - Ultimo aggiornamento: 17:27

Presentata oggi la Festa del Cinema di Roma. L'edizione si terrà dal 14 al 24 ottobre 2021 all'Auditorium Parco della Musica, ma è andata in scena stamattina la conferenza di presentazione dell'evento, che coinvolgerà altri luoghi e realtà culturali della capitale. Ma la struttura di Renzo Piano, neanche a dirlo, sarà l'epicentro della manifestazione, con i 1300 mq del viale che conduce alla Cavea (da quella superiore sarà possibile seguire l'arrivo degli attori su prenotazione per evitare assembramenti) che saranno trasformati in uno dei più grandi red carpet al mondo.

Il programma è ricchissimo di protagonisti: 22 registe donne, 22 Paesi rappresentati, 35 prime mondiali, due red carpet a via Condotti e davanti all'ex Filmstudio. Sarà allestita una mostra per i 40 anni del Marchese del Grillo ma sono in programma omaggi a Monica Vitti per i 90 anni e i premi alla carriera a Tim Burton e Quentin Tarantino.

 

Da Verdone a Cuaron, le star a Roma

In selezione ufficiale il film "L'arminuta" di Giuseppe Bonito e "Promines" di Amanda Sthers con Pierfrancesco Favino a cui si aggiunge "Cyrano" di Joe Wright girato in Sicilia. Ma tra le sorprese di questa edizione declinata al pop, al femminile e al biografismo le attese serie italiane "A casa tutti bene" di Gabriele Muccino, ispirata all'omonimo film, "Vita da Carlo" di Carlo Verdone, "Strappare lungo i bordi" di ZeroCalcare e il film Sky Original "E noi come stronzi rimanemmo a guardare" di Pif.

E poi ancora tra gli eventi speciali "I fratelli De Filippo" di Sergio Rubini. Per gli omaggi, quello per il novantesimo compleanno di Monica Vitti di Fabrizio Corallo: "Vitti d'arte, Vitti d'amore". Tra le star straniere attese, Quentin Tarantino, Tim Burton, Jessica Chastain, Alfonso Cuaron e Joe Wright, mentre per l'Italia Marco Bellocchio che porterà a Roma le prime immagini di "Esterno notte".

L'omaggio a Gigi Proietti

Le Preaperture saranno cinque, un restauro, cinque omaggi, una retrospettiva di 13 titoli, sette Film della nostra vita, dieci eventi per il sociale e per l'ambiente, 26 altri eventi della Festa. Ad aprire la manifestazione capitolina sarà il film "The eyes of Tammy Faye", di Michael Showalter, che annovera nel cast gli attesissimi Jessica Chastain e Andrew Garfield. In Selezione Ufficiale l'unico italiano "Girl returned - L'Arminuta", di Giuseppe Bonito, con Sofia Fiore, Carlotta De Leonardis, Vanessa Scalera, che racconta la storia di una tredicenne restituita alla famiglia in cui è nata, che quando aveva pochi mesi l'ha ceduta a dei cugini benestanti che vivevano in città.

Un'edizione caratterizzata «da una grande voglia di ripartire, grinta, forza», dice Laura Delli Colli, ma che - come l'anno scorso- a causa delle regole restrittive per il Covid, non vedrà neanche quest'anno il pubblico accalcarsi sul red carpet. «Il pubblico potrà comunque vedere avvicendarsi le star sul tappeto rosso dalla Cavea superiore - dice il direttore generale della Fondazione Cinema per Roma Francesca Via - ma su prenotazione, per evitare assembramenti». Tra gli omaggi, spicca quello al grande Gigi Proietti. Tra i documentari "Luigi Proietti detto Gigi" di Edoardo Leo, iniziato a girare tre anni fa. Il restauro riguarda invece il capolavoro di Ettore Scola "C'eravamo tanto amati", che celebra i 90 anni dalla nascita di Scola e i 100 da quella di Manfredi.

Video

Delli Colli: speriamo sale al 100% della capienza

«Grinta, grande forza, voglia di ripartire. Sempre in sicurezza ma con voglia di essere nella normalità. Sono felice di questa sala aperta, ricca e accogliente anche se auspico che arrivino presto notizie per una capienza allargata». A dirlo, in apertura della conferenza di presentazione della Festa del Cinema di Roma, Laura Delli Colli, della Fondazione Cinema per Roma. «Affianchiamo la raccolta di firme a sostegno della campagna per l'allargamento delle presenze, perché il cinema è un posto tra i più sicuri», aggiunge Delli Colli.

I film e i biglietti

La Festa del Cinema di Roma è riconosciuta ufficialmente dalla FIAPF (Fédération Internationale des Associations de Producteurs de Films). Il programma ospiterà proiezioni in anteprima, incontri ravvicinati con autori e attori del mondo del cinema, dello spettacolo e della cultura, retrospettive e omaggi dedicati ai più celebri maestri del cinema mondiale, convegni e dibattiti per approfondire aspetti tecnici, artistici e produttivi legati alla sfera dell’audiovisivo, mostre e installazioni fra l’Auditorium e il resto della città.

Roma, al via il “Pigneto Film Festival”: titoli, autori e appuntamenti

I film della Selezione Ufficiale concorrono all’assegnazione del Premio del Pubblico FS. Una parte del programma sarà visibile attraverso la piattaforma Digital RFF. Accanto alla Festa, come sezione autonoma e parallela, Alice nella città organizzerà, secondo un proprio regolamento, una rassegna di film rivolti alle giovani generazioni.

Video

La natura della Festa del Cinema è nella sintesi tra una programmazione di qualità e una fruizione popolare: il pubblico, al quale sono rivolti la stragrande maggioranza degli eventi in programma, gioca la parte del protagonista. Particolare attenzione è dedicata alla politica dei prezzi che prevede anche la presenza di numerosi eventi a ingresso gratuito. La biglietteria aprirà una settimana circa prima dell’inizio della Festa e sarà attiva per tutta la durata della manifestazione. Una serie di convenzioni renderà più immediata e coinvolgente l’esperienza alla Festa del Cinema.

L'organizzazione

La manifestazione è organizzata dalla Fondazione Cinema per Roma grazie al supporto dei Soci Fondatori, del Main Partner, BNL Gruppo BNP Paribas e dei numerosi partner che ogni anno scelgono di sostenere la Festa del Cinema partecipando attivamente alla costruzione dell’evento: una testimonianza dell’attenzione che le aziende hanno nel sostenere la missione e i valori della Fondazione. Direttore artistico della Festa del Cinema di Roma è Antonio Monda, scrittore, docente universitario e curatore di celebri retrospettive presso le più prestigiose istituzioni culturali americane. Nel suo lavoro, Monda è affiancato da un Comitato di Selezione composto da Richard Peña, Giovanna Fulvi, Alberto Crespi, Francesco Zippel, Valerio Carocci. Mario Sesti è il responsabile delle Retrospettive. Le passate edizioni hanno visto partecipare alla Festa numerosi protagonisti del cinema mondiale. Molti film presentati hanno ricevuto i massimi riconoscimenti, come gli Oscar e i Golden Globe, i più noti premi del cinema europeo, come gli European Film Awards, i César e i Goya, e di quello italiano, dal David di Donatello ai Nastri d’Argento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA