«Green pass, niente violazione della privacy»: ricorso dei docenti respinto dal Consiglio di Stato

La sentenza: "Il green pass non è un elemento discriminante"

«Green pass, niente violazione della privacy»: ricorso dei docenti respinto dal Consiglio di Stato
3 Minuti di Lettura
Domenica 31 Ottobre 2021, 10:51

Nessuna discrimnazione. Nessuna violazione della privacy. Il Consiglio di Stato ha respinto i ricorsi presentati da alcuni docenti contro l'obbligo del Green pass a scuola. In due distinti decreti, la Terza Sezione presieduta da Franco Frattini ha confermato la decisione del Tar del Lazio spiegando che le presunte violazioni della privacy «sono contraddette sia dall'avvenuto pieno recepimento delle indicazioni del Garante della Privacy» sia «dal dato puramente tecnico e non contestato con argomenti credibili, secondo cui la lettura con app dedicata esclude ogni conservazione o conoscibilità del dato identitario personale, salvo l'accertamento della autenticità del certificato verde, elemento essenziale allorché emergono sempre più frequenti casi di falsificazione e di commercio di certificati verdi falsi».

Green pass e scuola, la sentenza

 

La sentenza spiega anche che il Green pass non è un elemento discriminante dato che «il lavoratore è abilitato, ove non intenda vaccinarsi, ad ottenere il certificato verde con test differenti quali l'antigenico rapido».

I banchi con le rotelle al macero: «Nessuno li vuole». Lo strappo di una scuola di Venezia

Covid Avezzano, tre insegnanti positive: 60 bambini in quarantena

Sull'asserito diritto individuale alla salute e quindi sul rifiuto di vaccinarsi, il Consiglio di Stato evidenzia che esiste un «eguale diritto di una collettività di persone - nella specie gli studenti - il cui diritto a scongiurare possibili contagì ha prevalenza perché espressione di una componente della salute pubblica a fronte del diritto del docente, in ogni caso per nulla negato viste le ammissibili misure alternative al vaccino, e di carattere individuale, per di più da parte di chi ha una responsabilità specifica e rafforzata verso i propri studenti, che costituisce componente essenziale della funzione (se non addirittura missione) di ogni docente». Fissata per l'11 novembre la camera di consiglio per la discussione collegiale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA