Plastica in mare, scoperti crostacei in grado di frammentarla in 4 giorni. «Ma è pericoloso per l'uomo»

Giovedì 30 Luglio 2020
Plastica in mare, scoperti crostacei in grado di frammentarla in 4 giorni. «Ma è pericoloso per l'uomo»

Piccoli crostacei possono frammentare le microplastiche in mare in pezzi più piccoli di una cellula in 96 ore. E non è una buona notizia. Lo sostiene uno studio dell'University College di Cork (UCC), in Irlanda. Fino ad ora, la frammentazione della plastica è stata in gran parte attribuita a processi fisici lenti come l'esposizione alla luce solare e l'azione delle onde, che possono richiedere anni e persino decenni. Gli scienziati, studiando l'anfipode Gammarus duebeni, lungo 2 centimetri, hanno scoperto che le microplastiche vengono ingerite dal crostaceo e frammentate in maniera incredibilmente rapida in nanoplastiche.

LEGGI ANCHE Allarme morbillo in balene e delfini, Greenpeace: «Potrebbe fare salto di specie come il Covid»
 


Poiché questi frammenti sono abbastanza piccoli da passare attraverso le pareti cellulari, si ritiene che possano essere potenzialmente più dannosi per la fauna selvatica rispetto alle microplastiche con dimensioni fino a 5 millimetri. La dottoressa Alicia Mateos-Cárdenas, la principale autrice della ricerca pubblicata su Scientific Reports, ha dichiarato che le sue scoperte sono «completamente inaspettate». 

LEGGI ANCHE Beach Litter: esperimento a Fondi per sondare la presenza di plastica sulle spiagge

«Abbiamo osservato che gli anfipodi ingeriscono queste particelle di plastica, macinandole con le mandibole mentre le mangiano e le trasmettono all'apparato digerente, ma non capiamo ancora come questi animali rompano la plastica. Dobbiamo studiare il meccanismo reale di questa frammentazione biologica», ha affermato la dottoressa Mateos-Cárdenas.
 

 

La ricerca ha implicazioni più ampie perché questo crostaceo è una delle oltre 200 specie di Gammarus presenti a livello globale nei fiumi, negli estuari e negli oceani. «Questo aggiunge sicuramente un ulteriore livello alla nostra comprensione del destino della plastica nell'ambiente», ha spiegato la scienziata. «Una volta che la plastica raggiunge fiumi e oceani, non sappiamo davvero cosa le succede. Se gli animali la ingeriscono e la frammentano, il problema è amplificato».

LEGGI ANCHE Scoperto perché le tartarughe mangiano la plastica in mare: la confondono col cibo vero

Questa frammentazione biologica potrebbe essere un problema globale, poiché gli effetti dannosi dei contaminanti plastici potrebbero aumentare al diminuire della dimensione delle particelle. «Se le nanoplastiche possono attraversare le pareti cellulari, potrebbero accumularsi in animali e piante con potenziali effetti negativi sconosciuti. Quindi il problema dell'inquinamento da plastica diventa molto più complesso e più preoccupante», ha affermato Mateos-Cárdenas, che ha spiegato che il «trasferimento trofico» si verifica quando predatori come uccelli o pesci mangiano i crostacei Gammarus. Ciò significa che le nanoplastiche potrebbero accumularsi più in alto nella catena alimentare, anche potenzialmente nell'uomo, mentre sostanze chimiche tossiche potrebbero aggrapparsi alla superficie di queste nanoplastiche.

Ultimo aggiornamento: 14:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA