Meteora attraversa il cielo della Puglia, boato in Salento: Protezione Civile segue l'evento

Meteora attraversa il cielo della Puglia, boato in Salento: Protezione Civile segue l'evento
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 08:57 - Ultimo aggiornamento: 16:01

Prima una scia luminosa, poi il boato. Un bolide ha attraversato ieri sera il cielo della Puglia, con decine di segnalazioni e avvistamenti dal Salento fino alla Basilicata. La meteora è apparsa intorno alle 19. Gli esperti di Prisma (Prima Rete per la Sorveglianza sistematica di Meteore e Atmosfera) spiegano sul proprio sito: «La meteora è comparsa ad una quota di circa 78 km poco a Sud del Lago di Pappadai. Proseguendo la sua corsa alla velocità di circa 13 km/s in direzione Nord-Est, ha raggiunto la quota di 30 km superando il litorale e spegnendosi 15 km al largo di Torre Santa Sabina. Eventuali frammenti sopravvissuti all'attraversamento dell'atmosfera sono dunque finiti in mare».

Un "dinosauro" all'Onu: «Non scegliete l'estinzione». L'appello diventa virale e fa il giro del mondo

La Protezione civile spiega

«Si è trattato - spiegano dalla Protezione civile pugliese - del passaggio di un »bolide«, ovvero di una luminosissima meteora appartenente al fenomeno delle Tauridi Sud, uno sciame meteorico che ha origine dai detriti della cometa Encke» che bruciano nell'impatto con l'atmosfera. «Non sono fenomeni rari ma sono stati osservati anche negli anni scorsi - spiega il dirigente della Protezione civile regionale, Mario Lerario - e che quindi non dovrebbero destare né preoccupazione, né clamore. La protezione civile regionale ha seguito comunque questo fenomeno con il centro funzionale, il dipartimento nazionale di protezione civile e l'istituto nazionale geofisica e vulcanologia».

Meteorite precipita tra Prato e Pistoia: parte la caccia al tesoro per trovare i frammenti

Bolide avvistato in Puglia: scia luminosa e boato

Il bolide è stato ben visibile a occhio nudo perché a bassa quota. Chi ha avuto la fortuna di avvistarlo, parla di una scia luminosa di colore verde e poi rossastra sul finire. Molti riferiscono anche di un boato. L'esplosione del bolide è avvenuta in mare, ragion per cui nessun detrito è finito sulla terraferma. L'osservatorio atronomico San Lorenzo (Casarano, Lecce) - condiviso dalla Protezione Civile del Salento - scrive su Facebook: «La scia molto luminosa apparentemente di color verde, è riconducibile quasi certamente al fenomeno delle Tauridi sud, lo sciame meteorico che si sta verificando proprio in questi giorni. Sono i residui della coda cometaria della 2P/Encke che si stanno bruciando col l'impatto dell'atmosfera terrestre e hanno la peculiarità di essere, seppur rarissimamente, molto luminose: anche negli scorsi sono stati osservati, durante lo sciame, bolidi del genere attraversare il cielo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA