CORONAVIRUS

Sindrome di Kawasaki, papà pubblica la foto della figlia di 5 anni: «Non riaprite le scuole»

Lunedì 18 Maggio 2020 di Silvia Natella
Sindrome di Kawasaki, mostra la figlia di 5 anni malata: «Ha solo il 20% di possibilità di sopravvivere, non riaprite le scuole»

Scarlett ha soltanto cinque anni e lotta tra la vita e la morte a causa della sindrome di Kawasaki, una malattia che si pensa sia correlata al coronavirus e che colpisce soprattutto i più piccoli. Il papà Piers Roberts ha pubblicato sui social una foto della bambina nel letto d'ospedale attaccata ai macchinari con lo scopo di chiedere alle istituzioni britanniche di rimandare la riapertura delle scuole. Come riporta il Mirror, la bambina aveva contratto prima il Covid-19, in forma lieve, perché contagiata a scuola prima del lockdown.

Kawasaki, allarme bimbi. L'Oms: «Infiammazione multi-organo riconoscibile da 6 condizioni»
Sindrome Kawasaki, a Napoli guarito bimbo con una malattia simile

«Ha solo il 20% di chance di sopravvivere», dice il padre, insegnante di Wakefield, nello Yorkshire. Poi l'appello al primo ministro Boris Johnson: «Non riaprite le scuole, potrebbero trasformarsi in campi di sterminio per i bambini». Roberts ha voluto condividere la sua storia per mettere in guardia il governo del Paese con il più alto numero di vittime da coronavirus nel continente europeo. 


Boris Johnson ha annunciato che tutti gli istituti scolastici saranno riaperti a partire dal primo giugno, ma i genitori tremano al pensiero che gli istituti si trasformino in "campi di sterminio per bambini". Se il coronavirus ha risparmiato soprattutto i più giovani, lo stesso non si può dire della Sindrome di Kawasaki. L'obiettivo di Piers è scoraggiare la riapertura e ritardarla il più possibile per scongiurare una nuova epidemia. 

Kawasaki e Covid, in Francia primo caso di bimbo morto con la sindrome

Anche la mamma di Scarlett, Naomi, ha raccontato su Facebook la battaglia della figlia contro la sindrome di Kawasaki, sottolineando che sei settimane prima era perfettamente sana: «Improvvisamente i suoi organi hanno “ceduto” ed è stato necessario il ricovero in ospedale». Il collegamento tra sindrome di Kawasaki e coronavirus è ancora al vaglio degli scienziati. 

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 01:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani