Sigarette elettroniche, allerta di grado 2: «Verifica sugli effetti polmonari»

Lunedì 21 Ottobre 2019 di Mauro Evangelisti

La definizione tecnica è «Allerta di grado 2». È contenuta in un documento inviato dall'Istituto superiore di Sanità al Ministero della Salute e agli assessorati regionali di tutta Italia. Obiettivo: vigilare sulla «grave malattia polmonare tra le persone che utilizzano le sigarette elettroniche (svapo), con causa sconosciuta», segnalata in diversi Stati degli Usa; monitorare l'insorgenza «di gravi lesioni polmonari tra le persone che utilizzano prodotti per sigaretta elettronica» documentati sempre negli Usa. Si tratta di una polmonite chimica che sta mietendo vittime soprattutto tra i più giovani in America. Attenzione: questo non significa che svapare faccia male o quanto meno che siano dimostrati gli effetti nocivi. Il tema è un altro: poiché negli Stati Uniti si sta affrontando una epidemia di una malattia polmonare, chiamata Evali (E-cigarette, or Vaping, product use Associated Lung Injury) diffusa tra chi fa un uso improprio di questo strumento, ora è giusto vigilare anche negli ospedali italiani.

E-sigarette vietate nel Lazio: in uffici e ospedali. Giovani nel mirino

 

SITUAZIONE
Gli esperti però avvertono: ciò che è stato registrato negli Stati Uniti, per ora non ha alcun riscontro in Italia e in Europa, perché il problema negli Usa è rappresentato dall'uso senza regole dell'e-cigarette, spesso legato al consumo di stupefacenti. Nel nostro Paese i controlli sulla vendita nei canali ufficiali delle sostanze con cui sono caricati questi strumenti sono molto più rigorosi. Negli Usa l'epidemia preoccupa con 1.300 casi e 26 morti, tanto che anche il presidente Donald Trump era intervenuto garantendo che sarebbero state cambiate le leggi.
L'Istituto superiore di Sanità parte dalle segnalazioni ricevute dall'Osservatorio europeo sulle droghe e le tossicodipendenze, che a sua volta parte da ciò che è stato accertato dalle autorità americane; ricorda che le strutture sanitarie negli States hanno registrato una serie di gravi lesioni polmonari diffuse tra chi usa prodotti per sigarette elettroniche. Sono stati segnalati casi di svapo di una serie di prodotti e di sostanze tra cui quelli contenenti nicotina, thc, cannabis, cannabidiolo e cannabinoidi sintetici. Sebbene la causa della malattia negli Stati Uniti sia attualmente sconosciuta, ma sia comunque verificato il collegamento con l'uso in modo scorretto delle sigarette elettroniche non si può escludere anche una potenziale minaccia anche in Europa a causa della catena di approvvigionamento globalizzata.
Spiega il documento in cui è diffuso l'allerta di grado 2: la causa specifica della lesione polmonare va trovata, ma tutti i pazienti riportano una storia di utilizzo della sigaretta elettronica e hanno segnalato l'uso di sostanze come il thc (uno dei più importanti principi attivi della cannabis).

VIGILANZA
In estrema sintesi, ora anche le strutture sanitarie italiane dovranno vigilare e denunciare eventuali casi simili di malattie polmonari. Secondo gli esperti, ad oggi non ci sono stati, anche perché, come detto, i canali di vendita sono più controllati così come le cartucce in commercio, mentre negli Stati Uniti, dove questo tipo di prodotto è molto diffuso tra i giovanissimi, la storia è assai differente. Secondo gli esperti, l'ipotesi più credibile è che nel serbatoio siano stati introdotti degli oli e della vitamina E per sciogliere dei derivati della cannabis, ma anche altre sostanze tossiche non ancora individuate. Giova ripeterlo: l'epidemia dunque è collegata a questa problematica, a un uso distorto della sigaretta elettronica e fuorilegge.

DIVIETI
Discorso differente, è quello su cui da tempo c'è dibattito: c'è chi chiede una differente regolamentazione anche dell'uso corretto della sigaretta elettronica in Italia, applicando gli stessi divieti previsti per le sigarette tradizionali. Nel Lazio, ad esempio, l'assessore regionale Alessio D'Amato ha deciso che applicare una serie di limitazioni: divieto di utilizzare la sigaretta elettronica negli uffici regionali, ma anche negli ospedali e nei parchi circostanti alle strutture sanitarie.
 

Ultimo aggiornamento: 08:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma