Trapianti, il Viagra è un grande alleato: effetto inaspettato sui vasi sanguigni

Giovedì 10 Ottobre 2019
Trapianti, il Viagra è un grande alleato: effetto inaspettato sui vasi sanguigni

Il Viagra ha mostrato di essere utile anche nel trapianto di midollo osseo. Unito ad un altro farmaco, dilata i vasi sanguigni e aiuta le cellule staminali del sangue, prodotte nel midollo, ad entrare in circolazione, in modo da essere catturate più facilmente. L'esperimento, condotto sui topi dai ricercatori dell'università della California di Santa Cruz, è descritto sulla rivista Stem Cell Reports. Si tratta sostanzialmente di un metodo nuovo per avere rapidamente cellule staminali dai donatori per i trapianti di midollo osseo. Unito ad un farmaco immunostimolante, il Plerixafor, il Viagra ha mostrato di avere la stessa efficacia degli altri medicinali usati attualmente allo stesso scopo.

LEGGI ANCHE Iniezione di Viagra per fare bella figura con il partner, ora rischia un'erezione permanente

«Dato che entrambi i farmaci sono già approvati dall'Fda, si potrebbe arrivare abbastanza velocemente a sperimentarli sull'uomo», commenta Camilla Forsberg, coordinatrice dello studio. Per ottenere le cellule staminali ematopoietiche, di solito o le si preleva dall'osso dell'anca con uno speciale ago, oppure le si raccoglie del sangue attraverso più iniezioni di farmaci, che le fanno muovere dal midollo nella circolazione sangue. Una tecnica quest'ultima che, seppur meno invasiva, non è sempre efficace perchè può causare dolore alle ossa ed effetti collaterali, finendo per non essere tollerata dai pazienti, e non è indicata per gli anziani.

Con il Viagra e l'altro farmaco invece si riesce ad ottenere lo stesso effetto in sole due ore. Già in altri studi di laboratorio Forsberg aveva osservato che aumentando la permeabilità vascolare, si riuscivano a far viaggiare le staminali dal midollo al sangue. Nei topi il Viagra (originariamente sviluppato per trattare disturbi vascolari) con l'altro farmaco ha aumentato la quantità di cellule ematopoietiche nel sangue di ben 7,5 volte in più. Se le sperimentazioni sull'uomo avranno esito positivo, questo metodo potrebbe essere un'alternativa meno costosa, più rapida e conveniente rispetto all'altro tipo di terapia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma