Sputnik V, vaccino sarà prodotto in Italia: «10 milioni di dosi entro il 2021». Accordo con Adienne in Lombardia

Sputnik V sarà prodotto in Italia: «10 milioni di dosi entro il 2021». Accordo con Adienne in Lombardia
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Marzo 2021, 11:36 - Ultimo aggiornamento: 17:42

Il vaccino Sputnik potrebbe presto essere prodotto in Italia, e precisamente in Lombardia. «Firmato il primo accordo in Europa tra il fondo governativo russo e la società Adienne Pharma&Biotech per la produzione in Italia del vaccino Sputnik V» ha annunciato la Camera di Commercio Italo-Russa in una nota pubblicata sul suo sito internet. «Nelle scorse ore l'amministratore delegato del Russian Direct Investment Fund (RDIF), Kirill Dmitriev, ha confermato di aver raggiunto un accordo con l'azienda Adienne Pharma&Biotech per la produzione dello Sputnik V in Italia, siglando il primo contratto europeo per la produzione locale del vaccino. La partnership permetterà di avviare la produzione già dal mese di luglio 2021». 

Piano vaccini, ecco cosa cambia in Italia dopo l'ok ad AstraZeneca per gli over 65

L'azienda

L’azienda biofarmaceutica svizzera Adienne Pharma & Biotech ha dunque firmato un accordo che potrebbe permetterle di produrre il vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V nel suo sito di produzione in Lombardia. La produzione comunque dipenderà dall’approvazione dello Sputnik V da parte dell’Agenzia italiana del farmaco, ha detto a Bloomberg il presidente di Adienne Pharma, Antonio Francesco Di Naro. Quello firmato da Adienne Pharma è il primo accordo in assoluto per la produzione del vaccino russo in Europa. Intanto l’Ema ha da poco detto di aver iniziato l’analisi sugli standard di efficacia, sicurezza e qualità dello Sputnik V, il primo passo per l’approvazione del vaccino nell’Unione Europea.

 

Vaccino, Speranza: «A fine estate vaccinati tutti gli italiani. Aperti a Sputnik»

«Il processo produttivo innovativo» del vaccino russo Sputnik «aiuterà a creare nuovi posti di lavoro e permetterà all'Italia di controllare l'intero processo di produzione del preparato. Questo permetterà la produzione di 10 milioni di dosi entro la fine dell'anno». Lo fa sapere la Camera di Commercio Italo-Russa, in una nota pubblicata sul suo sito internet nel quale annuncia la firma del primo accordo in Europa tra il fondo governativo russo e la società Adienne Pharma&Biotech per la produzione in Italia del siero russo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA