COVID

Covid, studio inglese su Lancet: «Con la riapertura delle scuole si rischia una seconda catastrofica ondata»

Martedì 4 Agosto 2020
1
Covid, lo studio: «In Gb con la riapertura delle scuole si rischia una seconda catastrofica ondata»

Con la riapertura delle scuole, a settembre, c'è il rischio di una seconda ondata di contagi di Covid, ancora più devastante, a meno che non si migliorino i test. A lanciare l'allarme è uno studio uno studio realizzato nel Regno Unito da un gruppo di esperti dell'University College di Londra e della London School of Hygiene and Tropical Medicine e pubblicato su The Lancet Child And Adolescent Health. Il riaccendersi della pandemia, a fine dicembre, potrebbe portare a un numero di contagi 2,3 volte superiore di quanto finora registrato.

Coronavirus, in Grecia picco di casi: mascherine obbligatorie. Londra valuta lockdown per over 50

Belgio, scatta coprifuoco notturno La Germania sconsiglia viaggi in Spagna

Gran Bretagna, quarantena a chi torna dalla Spagna. Ira di Madrid: «Il Paese è al sicuro» 

 

Il tracciamento

I bambini, sottolinea lo studio, svolgono un ruolo chiave nella trasmissione ad altri. Kristine Macartney e colleghi3 ha fatto una ricerca dettagliata della trasmissione del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2) nelle scuole e nelle strutture di educazione e cura della prima infanzia nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, durante la prima parte dell'epidemia. L'allentamento delle restrizioni e la riapertura delle scuole è al centro dello studio di Jasmina Panovska-Griffiths e altri colleghi. I ricercatori hanno adattato un modello basato su dati specifici del Regno Unito e hanno valutato una serie di politiche per allentare il blocco, tra cui tre diverse opzioni di test, traccia e isolamento (TTI) e due modi per riaprire le scuole nel mese di settembre; completamente o parzialmente, in cui la metà dei bambini frequenta la scuola in settimane alterne.  Panovska-Griffiths e gli altri ricercatori hanno scoperto che riaprire le scuole (anche parzialmente) è probabile che porti a una seconda ondata di infezioni, a meno che i test non siano aumentati in modo significativo.

Purtroppo, non è chiaro dalla loro analisi se l'aumento dei casi che si verifica quando le scuole vengono riaperte nel modello sia dovuto a un maggiore contatto tra i bambini o a un maggiore contatto tra adulti che possono ora tornare al lavoro e alle attività ricreative. Per Macartney e i colleghi le strutture educative possono rimanere aperte a condizione che siano prese misure, come il tracciamento dei contatti, la quarantena e persino la chiusura delle scuole, per limitare la diffusione quando si verificano casi.
 

Misure restrittive

Panovska-Griffiths suggeriscono di migliorare nel Regno Unito il sistema di tracciamento che deve raggiungere il 68% dei casi e i loro contatti. «Ora c'è una copertura solo del 50%», ha spiegato Chris Bonell, uno degli autori dello studio. «I nostri risultati suggeriscono che potrebbe essere possibile evitare una seconda ondata epidemica nel Regno Unito, se un numero sufficiente numero di persone con infezione sintomatica può essere diagnosticato e i loro contatti tracciati ed efficacemente isolati». In altre parole, senza i miglioramenti richiesti nel sistema di test, sarà «assolutamente essenziale» introdurre altre misure restrittive già a settembre per «mitigare» gli effetti dell'apertura delle scuole. Ciò potrebbe significare che i pub saranno costretti a chiudere di nuovo o che potrebbero essere varate regole che vietano l'assembramento di più persone in luoghi chiusi. 

Ultimo aggiornamento: 14:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA