L'abbronzatura per i dermatologi dovrebbe passare di moda: «Grandi rischi di melanoma»

Venerdì 14 Giugno 2019
4
L'abbronzatura per i dermatologi dovrebbe passare di moda: «Forti rischi di melanoma»

«La conoscenza del nostro corpo è importante. Se spogliandoci al mare notiamo macchie mai viste prima, oppure scopriamo che un neo si è modificato - raccomanda Argenziano - dobbiamo individuarla e farla vedere al dermatologo di riferimento». Parole di Giuseppe Argenziano, direttore della Clinica dermatologica dell'università della Campania Luigi Vanvitelli di Napoli. Con l'arrivo delle vacanze cresce infatti la voglia di sole, ma un'esposizione esagerata danneggia la pelle. Per proteggersi dal rischio melanoma la prima regola «è la fotoprotezione - spiega in occasione del 24° Congresso mondiale di dermatologia (Wcd2019) di Milano - perché come sappiamo il primo rischio di sviluppare il tumore è la troppa esposizione al sole e ai raggi ultravioletti. Dobbiamo applicare le creme soprattutto ai nostri figli, perché la maggior parte dei rischi per la pelle avviene nei primi 15-20 anni di vita. Io consiglio di evitare la cosiddetta tintarella, anzi l'abbronzatura dovrebbe passare di moda - è la provocazione dell'esperto - questo sarebbe l'unico metodo sicuro rispetto all'applicazione delle creme».

Melanoma, parte campagna di informazione: il 39% degli adolescenti non usa la crema al sole
 

 

Ultimo aggiornamento: 17 Giugno, 00:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma