Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, il virologo Pregliasco: «Quest'estate le spiagge dovranno essere mezze vuote»

Coronavirus, il virologo Pregliasco: «Quest'estate le spiagge dovranno essere mezze vuote»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Aprile 2020, 19:02 - Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 13:15

Spiagge quasi deserte in estate. «Se immagino il prossimo agosto vedo delle spiagge mezza vuote, con distanze di sicurezza, contingentamento e quant'altro. Perché davvero io credo che il rischio di una seconda ondata sia alle porte in diversi contesti regionali, in Lombardia, nella bergamasca, purtroppo, che è stata in qualche modo devastata da questo tsunami». Lo ha dichiarato il virologo Fabrizio Pregliasco, ospite oggi di Non è un Paese per Giovani, il programma di Rai Radio2 condotto da Tommaso Labate e Max Cervelli. «Nelle altre zone, per fortuna, l'azione per loro anticipata di questo lockdown ha preservato un bel pò di persone ancora suscettibili - ha aggiunto il professore - Quindi c'è la necessità di continuare un'azione di stringenza, però combinata ad un'azione a livello domiciliare, di individuazione dei casi, dei contatti stretti, per poter bloccare quelli che potrebbero essere focolai che tentano di riemergere».

Il virologo Pregliasco: «Non tornare a scuola prima di settembre, sarebbe pericoloso»

I dati di oggi diffusi dalla Protezione Civile «ribadiscono, dopo un lieve rialzo, un andamento al ribasso dell'epidemia. Particolarmente interessante il dato in calo sulla mortalità e sui ricoveri in terapia intensiva. Inoltre il Centro-Sud sta tenendo, ma attenzione: dobbiamo andare avanti, altrimenti rischiamo di compromettere tutto», commenta Pregliasco. «Dobbiamo far scendere la curva, altrimenti con la riapertura delle attività c'è il rischio di una risalita». Quanto all'andamento dell'epidemia «è normale che ci sia una sorta di rampa in partenza, e che il calo sia più rallentato. Attualmente il livello di rischio si concentra nelle Rsa e nelle famiglie», conclude.




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA