Omicron, Cina approva il primo vaccino inalabile al mondo: verrà usato per le dosi di richiamo

Il farmaco ha ricevuto il via libera dal National Medical Products Administration, l'ente che regolarizza l'uso dei farmaci in Cina

Omicron, la Cina approva il primo vaccino inalabile al mondo: verrà usato per fare i richiami
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Settembre 2022, 15:12 - Ultimo aggiornamento: 8 Settembre, 08:21

Approvato in Cina il primo vaccino inalabile al mondo contro il Covid. Il nuovo farmaco è stato prodotto dal colosso farmaceutico CanSino Biologics, con sede a Tianjin, la quarta città più grande della Cina. La National Medical Products Administration, l'ente governativo che regolarizza la diffusione e l'uso dei farmaci nel Paese, ha dato il via libera all'uso del nuovo vaccino ma solo come dose booster per l'utilizzo di emergenza, secondo quanto spiegato dalla società in una dichiarazione alla borsa di Hong Kong.

Per il Covid normalizzato oltre mascherine e vaccini puntare sull'arma della ventilazione

Nuovo vaccino inalabile appovato in Cina

Dopo l'annuncio le azioni della società sono salite del 14%, prima di chiudere con sette punti sopra rispetto al valore di apertura. Il vaccino senza ago, che può essere conservato e somministrato più facilmente rispetto ai sieri intramuscolari, «verrà somministrato con un nebulizzatore», ha fatto sapere la società. Secondo quanto riportato dal CNN, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha affermato che il nuovo prodotto di CanSino è il primo dei due vaccini inalabili in fase di sperimentazione, che ha raggiunto lo sviluppo per la fase clinica.

 

L'autorizzazione arriva in seguito ai nuovi lockdown imposti da Pechino su tutto il territorio nazionale. Il governo cinese continua a mantenere una politica di tolleranza zero contro il Covid. Più di 70 città cinesi sono state messe in lockdown totale o parziale dalla fine di agosto, con circa 300milioni di persone costrette a rimanere chiuse in casa. CanSino ha avvertito  che rimangono alcuni passaggi normativi prima che il vaccino possa essere immesso sul mercato e ha affermato che il suo prodotto dovrà affrontare una "feroce concorrenza" a livello nazionale, dato che recentemente la Cina ha approvato nove vaccini nuovi.​

Covid, a che punto siamo? Burioni: «Guardiamo il Sudafrica e non la Cina. Continuare a vaccinare»

© RIPRODUZIONE RISERVATA