DIETA

Tumori, gli over 65 non abbandonano fumo, alcol e cattiva dieta nemmeno dopo la diagnosi

Martedì 24 Settembre 2019
Tumori, gli over 65 non abbandonano fumo, alcol e cattiva dieta nemmeno dopo la diagnosi

 Anziani, malati e incorreggibili. Se nel complesso il rapporto "I numeri del cancro in Italia 2019", presentato oggi al Ministero della Salute, dipinge un quadro positivo (la quota di pazienti guariti tocca il milione, mentre i nuovi casi registrati nei nove mesi dell'anno sono 2mila in meno rispetto al 2018), una nota dolente c'è, e riguarda gli over 65

LEGGI ANCHE Tumori, nuovi casi in calo per la prima volta: 371.000 nel 2019, un milione i guariti

Risulta, infatti, che la maggioranza delle persone anziane a cui è stato diagnosticato un tumore, mantiene ugualmente stili di vita malsani. Fumo, alcol, sedentarietà e una dieta povera di frutta e verdura sarebbero, specie se combinati insieme, sarebbero le cattive abitudini a cui gli anziani non riescono a rinunciare nonostante la diagnosi.

LEGGI ANCHE Tumore al seno metastatico, la chemio si può evitare: «Nuove terapie a bersaglio molecolare più efficaci»

I soprapracitati attacchi al proprio benessere sono doppiamente dannosi. Non solo rappresentano una potenziale causa per la nascita della neoplasia, ma anche un rischioso fattore di recidive e aggravanti della patologia. A sottolinearlo è Maria Masocco, responsabile dei sistemi di sorveglianza Passi e Passi d'Argento coordinati dall'Istituto superiore di sanità.

LEGGI ANCHE Un incontro per la solidarietà: vip in campo per la ricerca contro i tumori

Il volume contiene anche un'analisi degli stili di vita degli ultra 65enni che hanno ricevuto una diagnosi di tumore, facendo riferimento al biennio 2016-2017. Tra tutti gli over 65 presi a campione per lo studio, il 12,8% di loro ha dichiarato di avere, o di avere avuto, un tumore. Fra di essi è emerso però che una non trascurabile quota, pari all'11%, è rimasta fumatore abituale, mentre oltre il 18% ha continuato a bere alcolici in quantità dannosa per la salute (superando il limite indicato dall'Organizzazione mondiale della sanità per gli ultra 65enni di una unità alcolica al giorno). Troppo alta la percentuale dei malati che mantengono uno stile di vita al limite della sedentarietà. Troppo bassa, al contrario, la frangia degli ultra 65enni che consumano le 5 porzioni di frutta e verdura raccomandate dalle linee guida per una corretta e sana alimentazione: sono solo il 13%.

LEGGI ANCHE Tumori: le mutazioni delle cellule sono prevedibili

Ultimo aggiornamento: 25 Settembre, 14:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma