Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, arriva lo spray nasale che blocca tutte le varianti del Covid: a breve il test sull'uomo

Testato con successo su animali, presto inizieranno trial clinici

Covid, arriva lo spray nasale che blocca tutte le varianti
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Aprile 2022, 13:16 - Ultimo aggiornamento: 20 Aprile, 11:23

Un nuovo spray nasale che riduce i sintomi del Covid e previene l'infezione e che sarebbe efficace contro tutte le varianti. È il nuovo farmaco svilupato negli Stati Uniti che è stato già testato sugli animali e per il quale presto potrebbe iniziare il trial clinico di fase I. 

Epatite acuta, nuovi casi di origine sconosciuta: dalla Danimarca agli Usa, la mappa si allarga

Mascherine al chiuso, che succede dopo il 30 aprile? Gli scenari

Presentato sulla rivista Science Translational Medicine, il farmaco è stato sviluppato presso le  Northwestern University, University of Washington e Washington University a St. Louis. Secondo i ricercatori, lo spray sarebbe anche un rimedio più efficace degli anticorpi monoclonali, non solo perché può funzionare contro tutte le varianti, ma anche perché si può produrre in modo semplice ed economico e si conserva facilmente.

Come funziona lo spray nasale anti-Covid

Lo spray contiene diverse proteine in grado di bloccare il legame tra il Coronavirus e il recettore umano ACE2, per cui si prefigura come uno spray ad azione universale contro tutte le future varianti di SARS-CoV-2, proprio perché il coronavirus ha comunque sempre bisogno di legarsi ad ACE2 per iniziare il processo infettivo. 

«La proteina spike del SARS-CoV-2 tre domini di legame e gli anticorpi monoclonali si attaccano solamente a uno di essi» spiegano gli autori del lavoro. «Le proteine del nostro spray si siedono su spike come un treppiedi e bloccano tutti e tre i siti di legame. L'interazione tra spike e il nostro antivirale è tra le più salde finora conosciute in biologia, quando abbiamo messo l'antivirale e spike insieme in provetta per una settimana le due proteine sono rimaste legate tutto il tempo», concludono. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA