Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Diabete, “tatuaggio” indolore monitora la glicemia

Diabete, “tatuaggio” indolore monitora la glicemia
1 Minuto di Lettura
Sabato 17 Gennaio 2015, 00:59 - Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio, 20:22

Un tatuaggio temporaneo, flessibile e ultrasottile potrà aiutare i diabetici a misurare i livelli di glucosio nel sangue senza dolore, mandando così in pensione la punturina sul dito.

Gli ingegneri dell'University of California a San Diego hanno sviluppato il tatuaggio indolore, che cosra solo pochi centesimi e dura un giorno: i primi test hanno dimostrato che è sensibile come la classica punturina.

Il sistema, riferisce “Analytical Chemistry”, funziona senza sangue, estraendo e misurando il glucosio dal fluido presente tra cellule della pelle, e potrebbe anche essere adattato per rilevare altri metaboliti importanti.Al momento le persone con diabete devono monitorare i loro livelli di glucosio più volte al giorno, grazie a un device che analizza una goccia di sangue dal dito, ma in futuro il tatuaggio consentirà controlli continui per tutta la giornata. Con la promessa, dunque, di riuscire a gestire meglio la loro condizione.

Creato da uno studente, Amay Bandodkar, il dispositivo è costituito da elettrodi stampati su una cartina per tatuaggio e funziona applicando una corrente elettrica molto lieve sulla pelle per dieci minuti. Questo costringe gli ioni di sodio che trasportano il glucosio a fluire verso il tatuaggio.

Un sensore integrato nel tatoo misura la forza della carica elettrica prodotta da questo glucosio. I livelli di glucosio nel fluido sono, nel complesso, circa 100 volte inferiori a quelli riscontrati nel sangue: ecco perché il dispositivo richiede un sensore più sensibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA