CORONAVIRUS

Covid, Ricciardi: «Siamo in piena seconda ondata, dicembre e gennaio terribili». Galli: «Si potevano evitare 20mila morti»

Lunedì 7 Dicembre 2020
5
Waler Ricciardi

I contagi non diminuiscono come previsto, e ci sono ancora centinaia di morti per Covidl'ultimo bilancio, relativo al 6 dicembre, è di 18.887 nuovi casi e 564 morti. Walter Ricciadi, consigliere del ministero della Salute lancia l'allarme: «Importante il rispetto delle regole. Siamo ancora nel pieno della seconda ondata del Covid, e dicembre e gennaio saranno due mesi terribili per due motivi: per i problemi nell'accesso ai servizi e per le tante differenze a livello regionale». Per Ricciardi, docente di Igiene all'università Cattolica di Roma e direttore scientifico degli Istituti clinici scientifici Maugeri «resta fondamentale continuare a rispetto delle regole, sia a livello individuale che da parte degli organismi istituzionali, perché se si allentano le misure troppo presto non solo non si inverte il trend, ma il rischio è quello di trovarci di fronte a mesi difficilissimi, in cui Covid e influenza correranno insieme. Perché il coronavirus circola ancora in modo importante, e non rispetta i confini regionali». Un allarme lanciato all'indomani dell'annuncio all'indomani dell'Abruzzo dichiarato arancione in anticipo e per scelta autonoma. 

Addio maxi-riunioni di famiglia per le feste di fine anno. Se dal Comitato tecnico scientifico si rinnova l'invito ad evitare assembramenti e a limitare al massimo i contatti sociali, Ricciardi, si unisce al coro degli esperti: «Anche noi eravamo abituati a riunioni familiari con 15-20 persone, ma quest'anno non si può. Festeggerò con mia moglie e le mie figlie».

Covid, l'Italia torna senza zone rosse: resta il caso Abruzzo

Terza ondata Covid più forte, lento il calo contagi: cosa sta accadendo

Coronavirus, l'Abruzzo si sveglia arancione. I negozianti: «Un po' di caos, ma va bene così»

Allarme ristoranti, alberghi e centri commerciali: con il Ristori coperto solo il 25% delle perdite

«Non bisogna allentare troppo presto, o dare l'impressione che la zona gialla sia liberi tutti. Altrimenti - sottolinea con forza Ricciardi - c'è il rischio di un ulteriore aggravamento dell'ondata epidemica. Se invece terremo duro, a gennaio arriverà il calo vero dei nuovi casi, così come quello dei decessi. Attenzione però - ammonisce - riuscire a ridurre la curva non è ineluttabile: se non si capisce che le evidenze valgono per tutta Italia e che il virus non conosce confini, c'è il rischio che la curva torni a crescere. E questo proprio quando ci aspettiamo il maggior numero di casi di influenza». Uno scenario da incubo per l'inizio del 2021.

Non vaccinare gli italiani infettati e guariti? Per Ricciardi è più che altro una questione organizzativa: «Le dosi di vaccino all'inizio saranno limitate, dunque andranno riservate prima ai soggetti più esposti per rischio o per età. Dunque gli operatori sanitari e quelli essenziali, oltre che i soggetti più fragili, ovvero gli anziani ricoverati nelle strutture e quelli che sono a casa».

Galli: non ripetere gli errori dell'estate

«Se si riesce a stabilire una tendenza favorevole significa che le misure danno risultati. Ma questo non significa che dobbiamo abbassare la guardia, per non ripetere gli errori fatti in estate. Abbiamo avuto 20mila morti che avremmo potuto evitare». Lo ha evidenziato Massimo Galli, l'infettivologo dell'ospedale Sacco-università di Milano, ospite di 'Agorà' su RaiTre.

 

 

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 15:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA