CORONAVIRUS

Covid, lo studio: «Chi ha il gruppo sanguigno A corre più rischi»

Giovedì 4 Marzo 2021
Covid, lo studio: «Chi ha il gruppo sanguigno A corre più rischi»

Il Covid preferiscè attaccare le proteine legate al gruppo sanguigno A. E questo potrebbe essere il motivo per cui le statistiche sembrano mostrare un rischio leggermente maggiore di malattia grave per chi ha questo gruppo. Lo afferma uno studio condotto dal Brigham and Women's Hospital di Boston e pubblicato da Blood Advances.

Coronavirus, tutta la famiglia contagiata, lui immune. Sul teramano Fabrizio Primoli uno studio nazionale

I ricercatori hanno analizzato il comportamento di una proteina che compare sulla superficie del virus coinvolta nell'attacco alla cellula del paziente nei confronti di cellule respiratorie e del sangue di persone di gruppi sanguigni A, 0 e B. «I risultati - spiegano gli autori - mostrano che la proteina ha una forte preferenza per legarsi agli antigeni del gruppo sanguigno A trovati nelle cellule respiratorie, mentre la stessa tendenza non si vede per gli altri gruppi o per gli altri tipi di cellule.

Covid, i bambini sani possono accusare complicanze: lo studio dell'Università di Padova

«Il gruppo sanguigno è una sfida, perchè è ereditario e non è qualcosa che possiamo cambiare - spiega Sean Stowell, l'autore principale -. Ma se possiamo capire meglio come il virus interagisce con i gruppi sanguigni potremmo essere in grado di trovare nuovi farmaci o metodi di prevenzione». La scoperta, sottolinea l'esperto, descrive solo una parte dei meccanismi con cui il virus infetta le persone. «Quello oggetto della nostra osservazione non è l'unico meccanismo responsabile per quello che vediamo in clinica, ma potrebbe spiegare alcune delle influenze che ha il gruppo sanguigno sul Covid-19».

© RIPRODUZIONE RISERVATA