ANTICORPI MONOCLONALI

Covid, Burioni: «Anticorpi monoclonali Eli-Lilly prodotti a Latina riducono il rischio di morte e di ospedalizzazione del 70%. Muoviamoci»

Martedì 26 Gennaio 2021
2
Covid, Burioni: «Anticorpi monoclonali Eli-Lilly prodotti a Latina riducono il rischio di morte e di ospedalizzazione del 70%. Muoviamoci»

Roberto Burioni, virologo dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, non nasconde la sua soddisfazione per i risultati ottenuti dagli anticorpi monoclonali umani della Eli-Lilly, e pubblica su Twitter: «Ottime, ottime, ottime notizie. Il cocktail di anticorpi monoclonali umani della Eli-Lilly (prodotti peraltro a Latina!) riduce il rischio di ospedalizzazione e di morte del 70%. Adesso muoviamoci». 

 

Vaccino: Svezia sospende pagamenti a Pfizer per disaccordo su quantità di dosi

Vaccino Covid, Oms: «No dosi Moderna a donne incinte, rinvio per chi è stato contagiato in ultimi 6 mesi»

 

Studio fase 3 su 1035 pazienti. Cura usata anche su Trump

 

Il trattamento a base di anticorpi monoclonali bamlanivimab (LY-CoV555) ed etesevimab (LY-CoV016) di Lilly riduce il rischio di ospedalizzazione e morte per Covid-19 del 70% in pazienti ad alto rischio. A mostrare il risultato clinico positivo è un nuovo studio su oltre mille persone, che replica su un numero più ampio di pazienti i dati positivi emersi dallo studio di Fase 2. Lo annuncia in una nota l'azienda americana, rendendo noti i risultati della sperimentazione di Fase 3 dei suoi anticorpi neutralizzanti, gli stessi usati dall'ex presidente Usa, Donald Trump.

 

 

 

 

 

«Test vaccino Pfizer su 12-16enni»

 

«Concluso l'arruolamento per la sperimentazione di fase 3 del vaccino Pfizer di pazienti tra i 12 e i 16 anni, giustamente esclusi dalla prima fase, più rischiosa. Speriamo in risultati positivi per stringere il cerchio intorno al coronavirus», annuncia su Twitter Roberto Burioni, virologo dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 17:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA