Covid, bollettino Italia del 24 agosto: 239 pazienti in rianimazione, 112 morti. In calo il tasso di positività (14%)

I ricoverati nei reparti ordinari sono 6.170, 208 in meno nelle ultime 24 ore

Covid, bollettino Italia del 24 agosto: 239 pazienti in rianimazione, 112 morti. In calo il tasso di positività (14%)
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Agosto 2022, 16:50 - Ultimo aggiornamento: 21:19

Oggi in Italia sono 25.389 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i contagiati erano 35.360. Le vittime sono 112 in diminuzione rispetto alle 134 di ieri. I tamponi effettuati sono 174.227. Il tasso è al 14,6%, rispetto a ieri che era al 17%. Sono 239 (ieri 254) i pazienti ricoverati in terapia intensiva (-15), mentre gli ingressi giornalieri sono 23. I ricoverati nei reparti ordinari sono invece 6.170, 208 in meno nelle ultime 24 ore. Gli attualmente positivi sono 727.812, 24.279 in meno rispetto a ieri. Dimessi e guariti sono 20.818.775 (+49.555) mentre il totale dei casi dall'inizio della pandemia è di 21.721.630 e quello dei decessi è di 175.043. 

Scuola, dalle mascherine al distanziamento: ecco le nuove regole per il rientro in classe a settembre

Ricoveri, il confronto con un anno fa

Anche nel Lazio contagi in calo

Nel Lazio, oggi  su 3.599 tamponi molecolari e 10.003 tamponi antigenici per un totale di 13.602 tamponi, si registrano 1.824 nuovi casi positivi (-731), sono 3 i decessi (-5), 655 i ricoverati (-25), 39 le terapie intensive (+1) e +7.673 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 13,4%. I casi a Roma città sono a quota 798.

I dati riportati qui sotto si riferiscono al 23/08/2022

Omicron, tempi di incubazione sempre più brevi: la variante Alfa compariva dopo 5 giorni, ora sintomi dopo 3

Lombardia, i ricoveri scendono

Con 24.309 tamponi effettuati è di 3.322 il numero di nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività che scende al 13,6% (ieri era al 17,5%). Il numero dei ricoverati sale nelle terapie intensive (+2, 22) ma cala nei reparti (-27, 753). Sono 11 i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 42.134.

I dati risportati qui in basso si riferiscono al 23/08/2022

In Europa - 20% di nuovi contagi in una settimana

Nel mondo a che punto siamo? Nella settimana tra il 15 e il 21 agosto, si sono verificati 5,3 milioni di casi di Covid-19, con un calo del 9% rispetto alla settimana precedente. In discesa anche il numero di decessi: sono stati 14mila, il 15% in meno in confronto ai 7 giorni precedenti. Sono questi i dati salienti dell'ultimo bollettino dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Nell'ultima settimana, a trainare la discesa della curva della pandemia è soprattutto l'Europa con un crollo del 20% dei casi settimanali (1,3 milioni), mentre è in controtendenza, con un +2%, la Regione del Pacifico occidentale dell'Oms che comprende l'Estremo Oriente e l'Oceania: con 2,8 milioni di casi è qui che si è concentrata oltre la metà dei contagi (53%) della scorsa settimana. In Giappone, in particolare, con 1,5 milioni di contagi si è registrato più di un quarto dei casi globali. Forte circolazione del virus anche in Corea del Sud (884mila casi settimanali) e negli Stati Uniti (612mila). In quest'ultimo Paese, però, l'ondata è in forte ritirata con un -13% dei casi rispetto alla settimana precedente. Gli Stati Uniti sono anche il Paese con il maggior numero di decessi settimanali (2.714), seguiti da Giappone (1.624), Brasile (1.105) e Italia (677). Per quel che concerne le varianti, la quasi totalità dei casi (il 99%) è ormai dovuta a Omicron con le sue sotto-varianti. BA.5, in particolare, continua a crescere, passando dal 71% al 74% dei casi settimanali. Anche questa sotto-variante, inoltre, comincia a differenziarsi in ulteriori sotto-lignaggi: il 22,3% dei contagi sono dovuti a BA.5.1, il 20,3% a BA.5.2. In calo le altre sotto-varianti di Omicron, come BA.2 e BA.4 che sono rispettivamente al 5,6% e al 6,1%.

Positivo a vaiolo delle scimmie, Covid e Hiv contemporaneamente: è italiano il primo caso di coinfezione

© RIPRODUZIONE RISERVATA