COVID

Violenza sulle donne, Regione Lazio: «Fondo per assistere economicamente le vittime nei processi»

Mercoledì 25 Novembre 2020

Assistenza psicologica e sanitaria, di accoglienza, ma anche giuridica in quelle cause intentate da donne vittime di violenze maschili. E' il piano della Regione Lazio per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne, e che è stato illustrato oggi dal governatore Nicola Zingaretti. Nel dettaglio, la Regione Lazio ha sottoscritto due protocolli d'intesa: uno con la Procura di Roma e con l'Ordine degli Psicologi (da150 mila euro); l'altro è stato invece stipulato con l'Ordine degli Avvocati di Roma: 50 mila euro (per tre anni) per il gratuito patrocinio in sede penale e civile per quelle donne vittime di violenza non nelle condizioni economiche di resistere in giudizio.

“Scudo”, nasce un'app per contrastare la violenza sulle donne

Lazio, da Luis Alberto a Cataldi: «No alla violenza sulle donne»

«E una iniziativa importante - ha detto il presidente dell'Ordine Antonio Galletti - perché tende ad aumentare le possibilità da parte delle donne vittime di violenza di essere assistite con un ausilio economico. Nessun avvocato affronta questi processi per aspetti economici - ha aggiunto - ma le spese di giustizia possono essere anche ingenti, pensiamo a consulenze, periti. Spesso c'è anche un processo civile, o problemi per i figli minori. Un sostegno è importante, può indurre le donne vittime a denunciare con più consapevolezza e più forza. Il protocollo di oggi è molto agile, non ha complicazioni burocratiche - ha spiegato infine - Faremo una commissione paritetica che riuscirà a erogare queste somme già messe a disposizione per questo e per i prossimi due anni. Speriamo presto di organizzare un ulteriore evento in cui potremo dire di avere speso bene queste somme». 

È complessivamente di 2,3 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lazio in Bilancio per iniziative di contrasto alla violenza maschile e promozione di una cultura contraria all'odio. Il programma è stato presentato oggi insieme all'assessora alle Pari Opportunità Giovanna Pugliese e alla presidente della commissione regionale competente Eleonora Mattia. In campo, la formazione di operatrici antiviolenza, operatrici e operatori di pronto soccorso e sistema sociosanitario, forze dell'ordine, procure e personale comunale (400 mila euro di stanziamento) . Ma anche la creazione di un sistema informativo di monitoraggio dei dati sulla violenza di genere (200 mila euro).

Per il secondo anno consecutivo, la Regione Lazio ha finanziato il progetto di prevenzione e sensibilizzazione "Io non odio" destinato agli studenti delle scuole superiori. Infine la Regione Lazio ha finanziato due progetti: il primo con la Fondazione Iotti per ricordare le grandi figure delle istituzioni e per promuovere le donne immigrate in Italia, il secondo con l'Osservatorio per la legalità e la sicurezza che si concentrerà invece sul contrasto alla criminalità organizzata e il ruolo che le donne hanno in questa difficile battaglia. È stato infine presentato il progetto 'Scelgo di essere liberà realizzato in collaborazione con Lazio Innova e Global Thinking Foundation rivolto alle donne vittime di violenza con un'idea imprenditoriale da realizzare e annunciata la riapertura dei termini del premio Colasanti-Lopez rivolto alle scuole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA