Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Palazzo occupato ex Inpdap, Lega e FdI: «Perché il Comune tutela gli occupanti? Si ripristini legalità»

Palazzo occupato ex Inpdap, Lega e FdI: «Perché il Comune tutela gli occupanti? Si ripristini legalità»
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 8 Maggio 2019, 18:27 - Ultimo aggiornamento: 18:30

«La situazione dello stabile ex Inpdap a Santa Croce in Gerusalemme è intollerabile, così come ingiusta è la copertura politica vantata dagli occupanti di un immobile trasformato, a sbafo, in discoteca». Così, in una nota, Luisa Regimenti, candidata per la Lega alle elezioni europee 2019 nella circoscrizione Italia Centro, e Fabrizio Santori, direttivo Lega Lazio, in merito alla notizia del distacco della corrente al palazzo occupato Spin Time Labs. «Un'ingiustizia verso i cittadini onesti che pagano affitti, mutuo e bollette, e sono addirittura costretti a subire i disturbi provenienti dalle feste organizzate da Spin Time Labs che impediscono la tranquillità nel quartiere - continuano i due esponenti della Lega - Roma Capitale dovrebbe intervenire in senso opposto e contrario a quanto si sta registrando, ma è chiaro che su queste occupazioni M5S e Pd sono la medesima cosa».

Leggi anche:---> Ex Inpdap occupato, il Comune “salva” gli abusivi morosi di Spin Time Labs

«Alla faccia della legalità grillina, nell’ex palazzo Inpdap occupato da soliti noti a che titolo il vicesindaco Bergamo si fa garante degli abusivi morosi? - attacca il capogruppo alla Regione Lazio, candidato alle elezioni europee per Fdi, Fabrizio Ghera - La sindaca Raggi spieghi: il Campidoglio dica chiaramente da che parte sta, se è per le regole o per l’illegalità».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA