ROMA

Roma, quadrante Sud-Est: dieci volanti in strada. Tor Sapienza al via

Domenica 17 Novembre 2019 di Alessia Marani e Camilla Mozzetti
«La Seconda Sezione Volanti di Roma sarà operativa a decorrere dal 20 novembre». La comunicazione ufficiale è arrivata ieri dopo uno slittamento «per questioni tecniche» avvenuto la scorsa settimana. Diventerà, dunque, effettivo il nuovo Polo con sede in via degli Alvari, a Tor Sapienza, non distante dal distaccamento della Polizia Stradale. L’operazione nasce dall’esigenza, come si legge nella disposizione del questore Carmine Esposito, di fare fronte a «criticità e diseconomia» per i «lunghi percorsi affrontati da un elevato numero di pattuglie che ogni giorno attraversano la città (da via Guido Reni, ndr) per raggiungere le zone loro assegnate, situate a Sud, Sud-Est e Sud-Ovest». 
 
In particolare, la competenza delle pattuglie «è rivolta alle zone poste nel quadrante compreso tra il settore Sud-Ovest e quello a Est», ovvero un anello periferico che parte dal territorio del commissariato Esposizione per giungere a quello di San Basilio. La nota che ne dispone l’operatività, chiarisce che la sezione di via degli Alvari «è strutturalmente dimensionata per un organico che, gradualmente, consentirà la messa in servizio di un numero di 10 equipaggi per quadrante». Per il raggiungimento di una prima iniziale consistenza organica, la Questura ha già disposto un potenziamento dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico attraverso delle unità neo-assegnate.

In una prima tranche saranno 55. Il personale sarà quindi «organizzato in 5 Nuclei, ognuno dei quali presterà servizio continuativo su 5 differenti quadranti». In pratica, secondo il piano, dal nuovo polo usciranno le volanti 5 (San Basilio e Sant’Ippolito), volante 6 (Porta Maggiore e Torpignattara), volante 7 (Prenestino), volante 8 (Casilino) e volante 10 (Tuscolano e Romanina). Macchine che, attualmente, escono dalla caserma “Giglio” di via Guido Reni, al Flaminio. Eppure i sindacati non nascondono alcune perplessità. «Per aprire il distaccamento si attinge soprattutto a neo-agenti appena usciti dai corsi allievi - afferma Andrea Cecchini di Italia Celere - il che vuole dire che sulle Volanti di una città complessa come Roma e nei suoi quadranti più difficili, andranno a operare sul pronto intervento poliziotti senza quell’esperienza che il ruolo richiederebbe. Teniamo conto che sono ragazzi non romani e che, quindi, nemmeno conoscono la città». Il sindacalista ricorda che un tempo sulle volanti si era in tre: «Il capopattuglia, l’autista e il gregario. Quest’ultima posizione consentiva di integrare e formare una nuova risorsa - afferma - Poi per un periodo il personale non è stato rinnovato e ora si passa da un eccesso all’altro: potremmo avere volanti formate solo da neo-agenti e non siamo in un piccolo comune di provincia». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma