Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, nel cantiere sulla Tiburtina spunta un Ponte imperiale di 2mila anni fa

Roma, nel cantiere sulla Tiburtina spunta un Ponte imperiale di 2mila anni fa
di Laura Larcan
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 09:16 - Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 13:09

Tutto è partito da un muretto medievale. Una traccia che non è sfuggita all'occhio esperto degli archeologi. Lo scavo è andato avanti, e dagli strati di terra mista a fango (per una falda acquifera) ecco riaffiorare, a quattro metri di profondità, la sorpresa: enormi blocchi di travertino che sostenevano un'arcata intera perfettamente conservata, larga almeno tre metri. Così, negli ultimi giorni di indagini, è riemerso uno sconosciuto ponte romano di duemila anni fa durante i lavori di allargamento della Tiburtina, all'altezza dell'undicesimo chilometro della via moderna e al VII miglio di quella antica. La struttura di epoca imperiale serviva alla antica Tiburtina ad attraversare il Fosso di Pratolungo, poco prima del punto in cui il corso d'acqua confluisce nell'Aniene.

 

L'area aveva già calamitato l'attenzione degli specialisti della Soprintendenza di Roma guidata da Daniela Porro. «A febbraio scorso - racconta l'archeologo Fabrizio Santi che sta dirigendo lo scavo - è venuto alla luce parte di un primo ponte in opera quadrata di tufo, databile tra la fine del III e il II secolo avanti Cristo». Ora il Fosso di Pratolungo continua a riservare gioielli di ingegneria e architettura romana. «Dall'altra parte del Fosso nelle ultime settimane è cominciato ad affiorare un secondo ponte: una sorta di basso muretto probabilmente di epoca medioevale con all'inizio una base in travertino. La prosecuzione dello scavo - continua Santi - ha però riservato una sorpresa ancora maggiore con il rinvenimento di enormi blocchi di travertino: sono parte di un'arcata ancora presente di tre metri di larghezza ma priva dei conci centrali appartenente a un ponte romano. I blocchi, messi in opera a secco, rinforzati esternamente con cementizio, sono incastrati tra loro tramite un sistema sporgenze e relativi alloggiamenti e da alcune grappe in ferro».


LA SQUADRA
Dati alla mano, l'équipe di Fabrizio Santi, con le archeologhe Stefania Bavastro e Mara Carcieri, sta facendo chiarezza sulla struttura. «L'uso del travertino e le altre caratteristiche dell'arcata rimandano, per confronto con i ponti dell'Urbs, all'età imperiale - riflette Santi - Difficile, per ora, restringere l'arco cronologico, che speriamo di circoscrivere dopo lo studio analitico delle stratigrafie». La scoperta, che la Soprintendenza per i lavori del Comune di Roma, fa luce anche sulla storia di questa porzione di Tiburtina: l'arcata è stata rinvenuta priva della parte centrale. L'assenza della chiave di volta è da attribuire alla risistemazione dell'area in età medioevale e rinascimentale, quando il ponte venne parzialmente demolito e chiuso da due muraglioni di tre metri di altezza.
«I rifacimenti del ponte dall'età repubblicana a quella medievale e rinascimentale, dunque la sua lunga vita, dimostrano la grande frequentazione in tutte le epoche e in particolare in quella romana di questo asse viario anche nel suburbio che era affiancato da necropoli, mausolei, impianti termali e più lontano da ville. «Il ponte appena ritrovato - precisa la soprintendente Daniela Porro permetterà di comprendere meglio la topografia antica della zona ed i suoi sviluppi nei secoli». Riguardo all'avanzamento dei lavori per la costruzione del previsto ponte del Fosso di Pratolungo, l'assessore capitolino ai Lavori pubblici Ornella Segnalini dichiara che «sono già state individuate le soluzioni adeguate senza che si subiscano ritardi sul cronoprogramma stabilito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA