ROMA

Roma, sequestrarono famiglia a Torre Angela e minacciarono neonato: rom arrestato

Giovedì 1 Ottobre 2020

Entrarono in un appartamento dalla finestra del bagno, con il solo scopo di svaligiarlo completamente. Per evitare di essere disturbati nella loro opera criminale, due uomini sequestrarono l'intera famiglia che si tovava nell'appartamento di via Castelvenere, a Torre Angela, Roma. È accaduto il 16 luglio scorso e rinchiusi in camera da letto finirono marito, moglie, il figlio neonato e una zia, minacciati con il coltello, affiché restassero in silenzio. Il colpo fruttò un bracciale d'oro e 800 euro in contanti, mentre i responsabili scapparono sfruttando la finestra da cui avevano fatto irruzione. Adesso i poliziotti hanno rintracciato e fermato il rapinatore, grazie alle immagini delle telecamere presenti in zona e ai rilievi dattiloscopici. Rimane libero, in quanto non ancora indentificatO, il complice. 

Roma, Caffarella, stop roghi tossici e favelas: nel parco arriva la polizia a cavallo

Ad aver commesso la rapina un 24enne Rom, che abita nel campo nomadi di via di Salone. Il giovane è stato arrestato martedì scorso dagli agenti del commissariato Casilino Nuovo, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale Penale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA