Roma, negozi e uffici: si cambia. Nuove fasce orarie e più bus

Roma, negozi e uffici: si cambia. Nuove fasce orarie e più bus
di Camilla Mozzetti e Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Domenica 26 Settembre 2021, 21:52 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 08:57

Nuovi orari scaglionati per attività commerciali e uffici, ma non solo. Dopo la scadenza al 31 luglio dell’ultima ordinanza della sindaca uscente Virginia Raggi sulla rimodulazione degli orari per i negozi in ottica anti-assembramento sui mezzi pubblici, la Prefettura avvia un nuovo confronto con gli enti locali, i ministeri, le università e le principali associazioni del terziario e i sindacati per i tempi della città. Perché a palazzo Valentini non vogliono arrivare impreparati alla data 15 ottobre, quando - con la “fine” dello smart working - nella Capitale ci saranno almeno 1,2 milioni di persone in più in giro. Motivo per cui è necessario rivedere gli orari, non solo di apertura e chiusura delle attività commerciali e di vicinato, ma anche degli uffici pubblici (dei ministeri e di Roma Capitale), e di tutto il comparto produttivo che si muove nella Capitale.

La vice questore Schilirò ai manifestanti: «Il Green pass è illegittimo». Lamorgese: «Dichiarazioni gravissime». Avviata azione disciplinare

Negozi e uffici: ecco come cambiano gli orari

Quasi certamente si arriverà ad avere una rosa di fasce orarie scaglionate per evitare resse su bus e metro e traffico. Ma si lavorerà anche per ricalibrare la presenza dei mezzi pubblici sulle strade. Il prefetto Matteo Piantedosi ha dato mandato ad Agenzia per la mobilità capitolina di fare un piano. Nascerà un tavolo - il primo incontro è in programma domani- con anche i mobility manager dei ministeri, degli enti locali e soprattutto delle grandi aziende private (Eni ed Enel tanto per citarne due), i rappresentanti delle scuole e delle università, i sindacati del pubblico impiego e del privato, oltre a Comune e Regione. A quanto si sa, dal 15 avremo 1,2 milioni di persone in più in giro e 700mila sono dipendenti pubblici (ministeriali in primis). Tre le soluzioni (al momento) previste: intanto scaglionare gli orari di ingresso e uscita come già avviene per le scuole. I ministeri, per esempio, potrebbero aprire alle 10, le università terranno le lezioni a metà mattinata, per i negozi è più di un’ipotesi il vecchio schema con gli alimentari che alzano la saracinesca tra le 7-8 e gli altri dopo le 10.30. Altra soluzione sarà incentivare forme alternative di trasporto, compresa la mobilità dolce con monopattini e bici per raggiungere gli uffici dai parcheggi di scambio. Di più, si dirà ai dipendenti di non utilizzare la propria auto, ma di mettersi d’accordo con i colleghi per fare il “carpooling”. Soprattutto saranno create navette destinate ai principali ministeri e alle grandi imprese, che partiranno dai parcheggi di scambio sul modello delle linee S lanciate per gli studenti. Sul fronte del trasporto pubblico locale verrà chiesto ad Atac di riaprire subito le stazioni di Castro Pretorio (non lontano ci sono grandi ministeri come il Mef, l’Agricoltura e la Difesa o gli uffici di Fs) e Policlinico, che oltre al polo ospedaliero vede vicino imprese e sedi sindacali. 

Roma, l'Ama ora taglia gli spazzini. Ma i medici: «Così la salute è a rischio»

 

I mezzi

Atac dal canto suo, se ci sarà maggiore richiesta da parte del prefetto, non esclude di aumentare le corse. Per esempio, potrebbe chiedere ai privati ai quali ha già affidato le linee periferiche di mettere più pullman, così da liberare altri suoi autobus da portare verso il Centro. In teoria mancherebbero gli autisti, ma non si esclude di attivare da subito la graduatoria dell’ultimo concorso. Da via Prenestina si fa notare che il grosso dei ministeri verte intorno alle fermate delle metropolitane. Rispetto al 2019, e con soltanto gli studenti delle scuole in presenza, oggi la linea A registra un calo del 40 per cento delle presenze, la B del 68. Di conseguenza, se si riuscirà a far entrare i travet dopo le 10, i ministeriali potranno utilizzare le metro senza rischiare assembramenti. C’è poi il nodo smart working. che di fatto soltanto nel pubblico non sarà prolungato. Agenzia della mobilità e prefettura sono pronte a chiedere alle imprese di non escludere forme di lavoro agile. Dal canto loro, le grandi imprese e i sindacati stanno già chiudendo accordi per tenere a casa il grosso del personale fino al 2022. Così, dal 15 ottobre, si potrebbero avere 700mila persone in meno la mattina sui 1,2 milioni previsti in più. 

Influenza e Covid, doppio vaccino: «Nessun rischio»

© RIPRODUZIONE RISERVATA