Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incidente a Lanuvio, scontro frontale in auto: donna di 49 anni muore con il suo cane

Incidente a Lanuvio, scontro frontale in auto: donna di 49 anni muore con il suo cane
di Moira Di Mario
4 Minuti di Lettura
Martedì 14 Giugno 2022, 07:10

Un mortale a Lanuvio e un'auto con a bordo tre ragazzi, tutti salvi, finita in un fosso a Casal Palocco. È il bilancio degli incidenti che ieri hanno insanguinato le strade dei Castelli e del litorale romano. A Lanuvio a perdere la vita in un frontale tra una Nissan Micra e una Ford Fusion Roberta Contini, 49 anni di Ardea che viaggiava insieme al suo cane, un pastore tedesco morto anche lui nell'impatto. A guidare la Micra lo zio della donna, 48 anni di Genzano, trasportato in elisoccorso al San Camillo. Le sue condizioni sarebbero gravi. Feriti, ma non in pericolo di vita, anche due fratelli di Lanuvio di 23 e 21 anni che erano a bordo della Ford Fusion. Soccorsi dal 118, sono stati trasferiti in ospedale ad Aprilia.

La dinamica

Ancora tutta da confermare la dinamica della tragedia che si è consumata intorno alle 14,30 in via Laviniense, la strada che collega la parte alta del paese dei Castelli Romani con via Nettunense poco prima della rotatoria di Campoleone. Secondo una prima ricostruzione la Micra era diretta verso la via Nettunense in direzione di Ardea dove lo zio stava riportando a casa Roberta Contini, quando sarebbe avvenuto lo scontro con la Fusion. Ad estrarre i feriti dalle lamiere contorte dell'auto, ci hanno pensato i vigili del fuoco di Velletri, mentre ai carabinieri di Lanuvio e ai collegi del radiomobile veliterno sono affidate le indagini per ricostruire l'esatta dinamica dello scontro. Testimoni avrebbero parlato di un sorpasso azzardato, forse della stessa Micra. Ma è ancora tutto da verificare. Accertamenti sono in corso anche per capire se il trasporto del cane era avvenuto secondo le regole. La strada è rimasta chiusa alcune ore per consentire i rilievi e i soccorsi. A deviare la circolazione la polizia locale di Lanuvio.

 


A Casal Palocco, invece, perdono il controllo dell'automobile che finisce la sua corsa nel fosso in via Canale della Lingua. Ricoverati in ospedale le due ragazze e il ragazzo, tutti romani, a bordo di una Peugeot 207. Non sono in pericolo di vita. L'incidente si è verificato intorno alle 2,30 della notte tra domenica e lunedì scorsi. I giovani stavano verosimilmente tornando a casa dopo una serata passata in compagnia, quando in via Canale della Lingua all'altezza dell'incrocio con via Epaminonda, il 21enne alla guida dell'utilitaria ha perso il controllo dell'auto, percorrendo prima un breve tratto sulla sponda del fosso, cadendo quindi nel corso d'acqua ed infine ribaltandosi su un fianco. Per estrarre i ragazzi dalla vettura è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco costretti a tagliare la macchina in due. Sul posto anche le ambulanze dell'Ares 118 che hanno trasferito all'ospedale Grassi di Ostia il ragazzo e una delle ragazze, anche lei 21enne. Trasferita invece al San Camillo la seconda passeggera di 23 anni. I rilievi per chiarire la dinamica dell'incidente, in cui non sono stati coinvolti altri mezzi, sono stati affidati alla polizia locale del gruppo X Mare. Gli agenti dovranno verificare il motivo per cui il 21enne ha perso il controllo della Peugeot, se si sia trattato di un colpo di sonno, di un malore o di una distrazione al volante.

La rabbia

Dopo l'incidente di ieri è polemica sulla pericolosità di quella strada che, come confermano anche dalla polizia urbana, è troppo spesso teatro di scontri anche mortali. Come quello di maggio dello scorso anno quando perse la vita un 26enne. Intanto oggi è previsto un sit in davanti al palazzo dell'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, in via del Quirinale per «chiedere l'attenzione dei dirigenti dell'Ivass ed ottenere risarcimenti equi da parte delle compagnie in caso di incidenti stradali gravi e che hanno provocato menomazioni invalidanti e che compromettono l'esistenza degli automobilisti e dei passeggeri coinvolti». A chiederlo sono i famigliari e le vittime di scontri stradali. Dall'inizio dell'anno sono oltre quaranta le vittime della strada a Roma e provincia.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA