Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, dentista abusivo scoperto a Torpignattara: operava senza autorizzazioni

Roma, dentista abusivo cinese scoperto a Torpignattara: operava ma non aveva le autorizzazioni
2 Minuti di Lettura
Martedì 8 Ottobre 2019, 10:41 - Ultimo aggiornamento: 11:52

Aveva in casa uno studio dentistico con tutti gli attrezzi del mestiere. Mancava solo una cosa: l'autorizzazione a svolgere la professione. La Polizia di Stato ha scoperto un falso dentista a Roma nel quartiere di Torpignattara. La scoperta è avvenuta il giorno 4 ottobre da parte degli agenti del commissariato Esquilino che durante alcuni servizi di controllo del territorio hanno notato, in diversi punti delle vie del quartiere in questione, affissi in maniera casuale, adesivi raffiguranti una donna sorridente che riceve cure dentarie; gli stessi riportavano anche numeri di telefono accompagnati da alcuni ideogrammi in lingua cinese. I poliziotti sono riusciti a risalire all'indirizzo dello studio dentistico pubblicizzato, situato in via della Marranella e, una volta lì, si sono appostati per individuarne l'esatta ubicazione.

Scoprendo che non si trattava di uno studio bensì di una normale abitazione, con un espediente, si sono fatti aprire la porta d'ingresso ed hanno constatato che un uomo di nazionalità cinese D.C. di 34 anni aveva allestito un vero e proprio studio dentistico all'interno dell'appartamento, in evidente disordine e molto carente dal punto di vista igienico/sanitario. A seguito di una perquisizione domiciliare è stata rinvenuta una poltrona simile a quella utilizzata dai dentisti, una siringa in acciaio con anello finale, punte da trapano, strumenti monouso, protesi dentarie, numerosi medicinali con scritta cinese, biancheria sporca ed altri strumenti tipici del mestiere. L'uomo sprovvisto delle autorizzazioni per svolgere la professione e sprovvisto del titolo di studio è stato accompagnato presso gli uffici di Polizia e deferito dall'Autorità Giudiziaria per il reato di esercizio abusivo della professione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA