ROMA

Bimbo muore in asilo nido a Roma. Maestre disperate: «Si agitava nel sonno»

Martedì 28 Maggio 2019
2
Roma, un bimbo di 10 mesi muore nel sonno in un asilo nido: adesso si valuta l'autopsia

Stava facendo il riposino come tutti i giorni quando all'improvviso ha iniziato ad agitarsi e le sue labbra sono diventate cianotiche. Una maestra si è accorta che qualcosa non andava e ha chiamato i soccorsi, ma ogni tentativo di rianimazione è stato inutile. Tragedia oggi in un asilo nido privato di Roma dove è morto un bambino di 10 mesi. È accaduto in tarda mattinata in via della Marrana nel quartiere Appio. L'allarme è scattato poco dopo le 11.30 quando le maestre hanno chiamato il 118. L'ambulanza è arrivata in 10 minuti e il personale sanitario ha tentato di rianimare il bimbo per molti minuti, ma purtroppo tutto è stato vano. Sul posto i carabinieri della stazione Tuscolana e della compagnia Piazza Dante che indagano sugli istanti della tragedia ma anche sulle ore che l'hanno preceduta. Al momento l'ipotesi più plausibile sembra essere quella di un malore, forse un'aritmia cardiaca o un caso di morte in culla, ma sarà l'esame autoptico a dare risposte certe sulle cause del decesso. Ad accorrere subito a scuola i genitori che hanno un'altra figlia più grande. «Come faremo senza di lui» avrebbero sussurrato tra le lacrime rimanendo a lungo accanto al loro bambino.

Novara, ucciso di botte a 20 mesi, lo strazio del papà: «Me lo hanno portato via due volte»

Bimbo ucciso a Novara, nonna su Facebook: «Nessuno merita il tuo perdono. Signore se esisti resuscitalo»

Sconvolte anche le tre educatrici che stamattina si trovavano a scuola e sono state ascoltate dai carabinieri in caserma per ricostruire con esattezza i tempi e cosa è accaduto in quell'asilo. «Sono sconvolta, era un bambino tranquillo e bellissimo. È una tragedia enorme» ha detto la maestra che stamattina ha dato l'allarme. «Mi sono accorta io che c'era qualcosa che non andava - ha raccontato uscendo dalla caserma dei carabinieri - ho chiamato subito i soccorsi che sono stati velocissimi. Purtroppo non c'è stato nulla da fare» Secondo i primi accertamenti svolti dai carabinieri, il bimbo aveva mangiato un omogeneizzato circa un'ora prima, aveva partecipato a un laboratorio e si era addormentato da qualche minuto quando ha iniziato ad agitarsi. Ad accorgersene la maestra che quando si è avvicinata ha visto che aveva le labbra scure. Gli operatori del 118 hanno tentato di rianimarlo a lungo, di intubarlo ma per il piccolo purtroppo non c'è stato nulla da fare. Sul corpo non sarebbero stati riscontrati segni di violenza. È stato portato all'istituto di Medicina Legale dell'università La Sapienza per l'esame autoptico. Dai primi accertamenti sembrerebbe che i soccorsi siano stati chiamati e arrivati tempestivamente.
 


 
La Procura di Roma, prima di aprire formalmente un fascicolo di indagine, attende i risultati dell'esame esterno effettuato sul corpo del bimbo. Il caso è seguito dal procuratore aggiunto Nunzia D'Eliae alla luce della relazione effettuata dai medici intervenuti presso l'asilo i magistrati di piazzale Clodio valuteranno se e per quale reato eventualmente procedere. Tra le ipotesi fatte dunque in queste prime ore dai carabinieri ci sarebbe quella di una morte in culla (Sids), un evento tragico e inaspettato che può colpire i bambini nel primo anno di vita. Dagli ultimi dati epidemiologi si stima che in Italia colpisca un bebè su mille. E la morte del bimbo ricorda un'altra tragedia avvenuta qualche anno fa in un asilo della Capitale. In un nido di Parco dè Medici una bimba di 3 mesi fu trovata morta nella sua culla. Le operatrici dissero che la bambina dopo aver mangiato ed essere stata messa nella culla per il riposino non respirava più. «Era cianotica, di colore blu» raccontarono..


 

Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 08:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma