CORONAVIRUS

Parco dei Castelli Romani, un "manifesto" per salvare i pettirossi rimasti senza cibo per colpa del freddo

Martedì 26 Gennaio 2021 di Luigi Jovino
Un pettirosoo nel Parco dei Castelli Romani: gli uccelli spesso gravitavano attorno ai ristoranti per trovare cibo

Salvare i piccoli uccelli, e in particolare i fringuelli, gli scriccioli, i merli e i pettirossi, dal gelo: il Parco regionale dei Castelli Romani lancia un appello e invita la gente ad adottare provvedimenti in queste settimane di freddo per nutrire e proteggere i volatili. In tempo di Coronavirus, il Parco non dimentica gli animali selvatici e cerca di ricostruire un legame con la natura e con l’ambiente, troppo spesso sottovalutato e dimenticato. Nel nostro territorio – spiega Riccardo Caldoni, funzionario del Parco dei Castelli ed esperto di fauna selvatica – ci sono numerosi esemplari come i merli, i pettirossi, i fringuelli, gli scriccioli, le cinciallegre, i tordi ed altri esemplari che vanno in sofferenza nei periodi di gelo, anche perché sono stati ridotti i loro habitat. Con dei piccoli provvedimenti si possono aiutare questi volatili a sopravvivere, in un momento particolarmente difficile come è la stagione invernale. In pratica il Parco fornisce una serie di consigli, un vademecum, un mini “manifesto” naturalista, per costruire piccole casette in cui si possono mettere semi, biscotti sbriciolati o granelle di nocciole per dare agli uccelli la possibilità di nutrirsi. Si possono anche mettere a disposizione dei volatili delle fonti di acqua basta che siano tenute pulite e cambiate regolarmente. «Sia ben chiaro - riprende Riccardo Caldoni - che si deve lasciare del cibo per gli uccelli solo nella stagione del gelo, perché gli animali selvatici devono vivere e nutrirsi in piena autonomia.

Neve ai Castelli Romani oltre i 500 metri: disagi da Velletri e Nemi, strade in tilt


Nel Parco dei Castelli Romani oltre ai piccoli uccelli sono state avvistate specie di dimensioni maggiori come i rapaci, il biancone ed il falco pellegrino, che da 25 anni nidifica sui costoni del lago di Castel Gandolfo. Molto diffusi nei laghi di Nemi e di Castel Gandolfo sono anche le anatre come la moretta, il moriglione, il germano reale ed altri. Fino a pochi anni fa era presente sul lago di Castel Gandolfo anche una coppia di cigni . L’esemplare femmina è stato ucciso o rubato da qualche bracconiere. L’esemplare maschio è sopravvissuto per qualche mese e poi è morto di crepacuore.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA