Lazio zona gialla: tutti al mare, assalto al litorale da Ostia e Fiumicino

Lazio zona gialla: tutti al mare, assalto al litorale da Ostia e Fiumicino
2 Minuti di Lettura
Domenica 21 Febbraio 2021, 12:56 - Ultimo aggiornamento: 14:42

Come previsto, con il Lazio in zona gialla, sul litorale romano è una domenica «primaverile» che bissa la grande affluenza già registrata ieri. Sin dalla prima mattinata si è registrato un movimento sostenuto di persone, richiamate dal sole e dalla temperatura prevista oltre i 15 gradi, che passeggiano sui lungomare di Ostia, Fiumicino e Fregene. Idem sulla Darsena e lungo il porto canale di Fiumicino e negli ampi viali del porto turistico di Ostia dove, peraltro, i ristoranti registrano il pieno di prenotazioni a pranzo sin da mercoledi scorso. Un trend analogo e diffuso nei locali di ristorazione e negli stabilimenti e chioschi, con servizi di gastronomia, su tutta la costa, con preferenze per i tavolini all'aperto od in riva al mare.

 

In alternativa, c'è chi si è organizzato con pranzi al sacco e picnic in spiaggia, dove si approfitta per la prima tintarella fuori stagione e per giochi. Molte le famiglie con bambini. Anche le ciclabili sono gettonate così come sono segnalate molte presenze nella pineta di Castel Fusano. Osservato l'utilizzo rigoroso delle mascherine. L'afflusso di veicoli in uscita dalla via Aurelia (verso Fregene) e dall'autostrada Roma -Fiumicino è segnalato via via in aumento verso Fiumicino od Ostia, a seconda delle direttrici. Sulla costa di Fiumicino, in campo il dispositivo di otto pattuglie della polizia locale, in coordinamento con le altre forze dell'ordine, fino alle 23 e una trentina di volontari, dalle 8 alle 19, per il controllo sul rispetto delle misure anti Covid e per la viabilità. 

Pigneto, festa in casa con coca e marijuana: multate 17 persone. Chiuso un bar a Prati

Roma, festa privata con 28 spagnoli all'Appio: si erano nascosti nell'armadio e sotto le coperte. Tutti multati

Roma, ristorante chiuso per Covid ma il giudice lo fa riaprire per pranzare. Chinappi: «È stato solo un favore»

© RIPRODUZIONE RISERVATA