Roma, apre il nuovo Hub vaccinale Acea: saranno iniettate più di mille dosi al giorno

Roma, apre il nuovo Hub vaccinale ACEA: inietterà più di mille dosi al giorno
3 Minuti di Lettura

Nuovo Hub nel Lazio. È quello dell'Acea, il primo di una multiutility italiana. Saranno iniettate 1000 dosi al giorno ed è dotato di 26 postazioni per anamnesi, di 15 linee vaccinali e di oltre 60 postazioni per la fase di osservazione. L'apertura è prevista in occasione degli open day Astrazeneca di sabato 15 e domenica 16 maggio dedicati agli over 40. Che sono stati un successo: in tre ore sono stati esauriti i 20mila ticktet virtuali messi a disposizione dalla regione.

Vaccini Lazio, prenotazione per 52-53 anni da stasera: quando connettersi al portale per trovare Pfizer

 

La struttura - La particolarità di questo centro vaccinale è quella di esser stato allestito presso l'Autoparco aziendale, grazie alla collaborazione dell'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio e della ASL Roma 1. La struttura si trova in via delle Cave Ardeatine 36 e per l’attività sanitaria ACEA ha selezionato la Clinica Paideia, che mette a disposizione il personale medico-infermieristico, impiegando circa 70 unità al giorno.

Vaccini, la Lombardia apre alla fascia 16-29 anni. Bertolaso: «Si parte il 2 giugno, dose prima delle vacanze»

I vaccini - La ASL Roma 1 garantisce la fornitura del vaccino (Astrazeneca), la formazione degli operatori oltre che la programmazione delle agende, nel rispetto delle indicazioni dell'Unità di Crisi Regione Lazio. Da lunedì 17 maggio, il centro continuerà le somministrazioni rivolte ai cittadini attraverso la prenotazione sulla piattaforma con un possibile incremento progressivo rispetto alle 500 dosi quotidiane. In una fase successiva l'hub sarà a disposizione anche per i dipendenti dell'Azienda, in linea con le modalità e le tempistiche stabilite dalle autorità sanitarie. L'iniziativa rientra tra le azioni realizzate da ACEA sin dall'inizio dell'emergenza sanitaria per garantire la sicurezza dei propri dipendenti e allo stesso tempo dare un servizio alla cittadinanza. Il complesso di queste azioni ha permesso di ottenere la certificazione «Biosafety Trust» (RINA), come riconoscimento per le attività messe in campo nella gestione del rischio infezione, incluso quello da Covid-19.

Venerdì 14 Maggio 2021, 16:21 - Ultimo aggiornamento: 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA