LAZIO

Gambero Rosso: ecco i 6 "re" della cucina di Roma. Tutti i premi della guida 2021

Martedì 20 Ottobre 2020
Gambero Rosso: ecco i 6 "re" della cucina di Roma. Tutti i premi della guida 2021

Se sono massimo sei i clienti ammessi a tavola nei ristoranti, nella Capitale e nel Lazio sono anche sei la schiera dei ristoranti al top della classifica della 31/a edizione della guida «Roma e il meglio del Lazio» di Gambero Rosso: Glass Hostaria della chef Cristina Bowerman; Imàgo dell'Hotel Hassler con lo chef Andrea Antonini; Il Pagliaccio di Anthony Genovese; La Pergola dell'Hotel Rome Cavalieri (Roma) con Heinz Beck; Pascucci al Porticciolo di Gianfranco Pascucci (Fiumicino [RM]); La Trota dei fratelli Serva (Rivodutri [Rieti]). Attenzione anche alle trattorie e tavole del quotidiano - Armando al Pantheon (Roma); Da Cesare (Roma); Sora Maria e Arcangelo (Olevano Romano [RM]); Il Casaletto (Viterbo) - nonché alla ristorazione negli hotel della capitale con Adelaide al Vilòn che conquista le 2 forchette del Gambero Rosso e il premio speciale Servizio di Sala in albergo.

Fiumicino, da Heinz Beck a chef Colonna. In aeroporto il menù è stellato

Un'edizione, presentata in streaming su Fb, che mantiene le classifiche e che per quest'anno non esprime voti, alla luce delle enormi difficoltà affrontate dal settore nel difficile 2020 per l'emergenza sanitaria. Ciononostante, sottolineano i curatori, dalle difficoltà sono nate nuove opportunità. Roma si è rimessa in gioco con gli spazi all'aria aperta: terrazze, giardini, cortili, piazze, cornici uniche che solo la Capitale sa offrire. Ma Roma è ripartita anche con i grandi chef che per sopperire ad inevitabili difficoltà economiche e «salvare» il personale si sono rimessi in gioco con intriganti e moderne formule di delivery, conquistando nuovo pubblico.

 

Bastianich mette all’asta 30mila tra i suoi vini più pregiati: si stima il ricavo di 4,5 milioni di dollari

Per il presidente di Gambero Rosso Paolo Cuccia «In questo momento è necessario dialogo e coordinamento tra il mondo produttivo e il mondo istituzionale per dare a Roma nuovi straordinari risultati in termini di un nuovo racconto e promozione di Roma Capitale del cibo.» «Siamo davanti a una nuova epoca per tutto il mondo Ho.Re.Ca. - continua l'Amministratore Delegato Luigi Salerno »I nostri premiati, nonostante le difficoltà, hanno reagito con spirito di iniziativa e nuove idee, Il nostro più sentito grazie va a loro, per lo spirito combattivo e di resistenza con cui stanno affrontando questa nuova normalità, supportati dallo scenario magico che solo Roma è in grado di regalare». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA