Fondi europei, per la Regione Lazio arrivano 16 miliardi per trasporti e ambiente

Nicola Zingaretti alla presentazione dei fondi per il Lazio
di Fabio Rossi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Maggio 2022, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 17:42

Dalle infrastrutture per i trasporti  - nuove linee di tram a Roma, rinnovo della flotta di autobus con mezzi ecologici, potenziamento delle ferrovie e della logistica del porto di Civitavecchia - alla riqualificazione degli edifici scolastici, con l'estensione del tempo pieno per bambini e ragazzi e più mense scolastiche. Ma anche la realizzazione del Rome Technopole, interventi contro il rischio idrogeologico nella Capitale e nel resto del Lazio, il rilancio del polo europeo di produzione cinematografica e televisiva di Cinecittà, investimenti per l'occupazione e il sostegno alle imprese, specialmente quelle più innovative. Oltre sedici miliardi di euro di fondi sono in arrivo nel Lazio nei prossimi anni - tra Pnrr, programmazione europea e risorse nazionali - divisi su otto grandi target di destinazione delle risorse: dal lavoro all’istruzione, dalle imprese all’ambiente.

Termovalorizzatore e stadio Roma, Zingaretti a Controcampo: «Per la Capitale è la volta buona»

Dopo un lungo lavoro, e un processo di consultazione di tutti gli stakeholder del territorio, la Regione Lazio avvia la programmazione unitaria cofinanziata dai Fondi europei, presentata al Palazzo dei Congressi dell'Eur. «Una volta si diceva: "sono tornati indietro i soldi a Bruxelles" - ricorda il governatore Nicola Zingaretti - Oggi abbiamo finito un anno prima delle scadenze tutta la programmazione e lanciamo la nuova programmazione annunciando già i bandi fino al primo trimestre 2023. È una grande conquista del Lazio che è diventata regione leader europea nella gestione dei fondi per creare lavoro, rivoluzione digitale, rivoluzione green».

Gentiloni: «Lazio esempio di coraggio e capacità di coordinamento»

La Regione Lazio ha sviluppato il progetto integrando due fondamentali insiemi: i fondi previsti nel territorio dal Pnrr; e le risorse comunitarie, del Fondo sviluppo e coesione e del Fondo investimenti regionali. Per il triennio 2022-2024, l’impatto delle politiche pubbliche sul prodotto interno lordo regionale è stimato al 2,6 per cento in media all’anno. «Da questo incontro possiamo uscire con un certo ottimismo - sottolinea il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, collegato in videoconferenza da Bruxelles - perché dal Lazio viene fuori un buon esempio del coraggio, della capacità di coordinamento, dell'importanza di guardare avanti al futuro che può essere un buon esempio per tutto il Paese».

Zingaretti a Controcampo: «Sedici miliardi per far ripartire la mia Regione. Fondi alle imprese bus, treni, ciclabili: il Lazio cambia volto»

Un disegno strategico a medio termine finalizzato a creare nuove opportunità e buona occupazione, a valorizzare – anche in chiave economica – il grande patrimonio storico e culturale del territorio, a rafforzare la competitività delle imprese del Lazio sui mercati globali. «Prende forma un patto per lo sviluppo per il rilancio della Regione e della Capitale per una crescita innovativa, sostenibile e inclusiva», spiega il sindaco Roberto Gualtieri. «Stiamo uscendo dagli anni difficili della pandemia e adesso la guerra russo-ucraina ci mette di fronte ad altre sfide e a nuovi impegni - sostiene il vice presidente della Regione, Daniele Leodori - In questi mesi abbiamo lavorato intensamente per condividere con tutti i territori le scelte future che contribuiranno a cambiare il volto della regione».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA