CORONAVIRUS

Coronavirus, consegna di farmaci e alimenti alle persone fragili delle case popolari

Venerdì 27 Marzo 2020
Ecco il numero di telefono dedicato
Coronavirus. Spesa e farmaci. Chi ci pensa a consegnarli a chi non può muoversi da casa e magari ha anche i sintomi del Covid-19? La Regione Lazio ha attivato un numero di telefono 06899199, e un servizio completamente gratuito per tutti i residenti delle case popolari di Roma. Il servizio di consegna a domicilio è rivolto soprattutto a queste categorie di persone:
- anziani con più di 65 anni  in particolare quelli soli e non autosufficienti
- soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (temperatura superiore a 37,5°) o sottoposti alla misura della quarantena o risultati positivi al virus
- persone immunodepresse
- disabili, agli affetti da patologie gravi, da disabilità invalidanti
- nuclei composti da due sole persone di cui uno disabile grave a cui è fermamente raccomandato di non uscire di casa.
Si può chiamare dalle 8:00 alle 18:00 dal lunedì al sabato. 

Coronavirus Lazio, il piano elimina-code ai supermercati: «Ora spesa a casa»

Questo è il tempo della responsabilità, ma anche della solidarietà. Così comincia la nota dell'assessorato alle Politiche Abitative della Regione Lazio che spiega l'iniziativa pensata per l'Ater di Roma.Il servizio è possibile grazie alla sottoscrizione di un accordo con la Croce Rossa Italiana che mobiliterà i supi volontari per la consegna dei farmaci e della spesa alimentare a domicilio.

Vista l'urgenza, Ater provvederà ad inviare, alla propria utenza «fragile», comunicazione ad hoc (mediante telefonate, sms o mail) per l'attivazione del servizio « consegna a domicilio» e la modalità di espletamento dello stesso. Da oggi, tutti gli utenti che appartengono alle categorie di cui sopra potranno contattare il call center dedicato di Ater al numero 06 899 199.

COME FUNZIONA
L'operatore del call center acquisirà le richieste degli utenti, riferite all'acquisto di prodotti alimentari e farmaci, per poi trasmetterle alla Croce Rossa italiana, comitato di Roma, che a sua volta si avvarrà dei centri operativi nei vari quadranti della Capitale per il reperimento e la consegna delle merci ordinate. I volontari della Cri, riconoscibili in uniforme, ritireranno i prodotti presso gli esercizi di riferimento mentre per i medicinali potranno essere finanche ritirare la ricetta presso lo studio medico o acquisiranno il numero Nre e il codice fiscale del destinatario del farmaco per poi recarsi in farmacia. I medicinali e i prodotti alimentari verranno poi consegnati in busta chiusa all'utente.

Prima di procedere all'acquisto, l'operatore Cri incaricato ritirerà presso l'abitazione il denaro necessario alla spesa. Il servizio di consegna è completamente gratuito. Attraverso la consegna a domicilio è inoltre possibile richiedere lo scontrino fiscale «parlante» da utilizzare per le detrazioni fiscali, fornendo ai volontari della Croce rossa la tessera sanitaria o il codice fiscale. «Dopo i lavori di sanificazione negli spazi comuni degli edifici dell'Ater di Roma, dall'inizio della prossima settimana questi interventi verranno avviati anche in tutti i complessi di edilizia residenziale pubblica delle altre Ater del Lazio. Ora con questo nuovo accordo con la Croce Rossa Italiana vogliamo fornire un ulteriore contributo per contrastare il contagio da Covid-19, aiutando le persone anziane, con disabilità o con gravi fragilità a restare a casa grazie alla consegna a domicilio dei farmaci e della spesa alimentare. È una fase difficile, ma con l'impegno e la responsabilità di tutti riusciremo a superarla», dichiara Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio.

Coronavirus, Croce Rossa: numero verde per l'assistenza psicologica a medici e infermieri

«Insieme agli interventi massivi di sanificazione ad oggi effettuati in 3900 scale di edifici Ater in 66 quartieri - spiega il direttore generale Andrea Napoletano - ATER Roma, su impulso della Regione Lazio e grazie alla preziosa disponibilità della Croce Rossa Italiana, ha voluto attivare un servizio per alleviare le difficoltà che le necessarie restrizioni per fermare il contagio comportano nella vita quotidiana dei più fragili. Nelle nostre case abitano circa 120 mila persone, di cui gran parte anziani e siamo in grado di individuare chi può avere più bisogno di aiuto. Quale Azienda della pubblica amministrazione siamo chiamati a fare la nostra parte mettendo a disposizione risorse e competenze». «Croce Rossa di Roma con i suoi Volontari - commenta la presidente della C.R.I., Debora Diodati - è mobilitata da settimane a sostegno degli anziani e delle persone più fragili con quello che abbiamo chiamato »il tempo della gentilezza
»

«La Croce Rossa con i suoi operatori - prosegue Adriano De Nardis, presidente della Cri della Regione Lazio - ha lanciato da settimane un appello ai cittadini invitandoli a restare a casa al fine di evitare inutili rischi per la propria salute. Il tempo della gentilezza, questo il nostro motto che guida le progettualità dedicate all'emergenza covid, cui anche questo Protocollo fa riferimento. La nostra mission ci impone di mettere a disposizione ogni nostra risorsa per limitare qualsiasi inutile esposizione, specie per i cittadini più vulnerabili. Sono molto soddisfatto dell'iniziativa sviluppata da Cri Roma in sinergia con Regione Lazio e Ater di Roma, che dimostrano in questo modo una sensibilità importante verso i propri inquilini e verso la salvaguardia della popolazione tutta».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani