Bimbo muore a 2 anni dopo circoncisione in casa a Monterotondo: grave il fratellino. Un arresto

Domenica 23 Dicembre 2018 di Ermanno Amedei
16
Roma choc, gemellini di un anno circoncisi in casa da un presunto medico nigeriano: uno muore, l'altro è gravissimo

​Un bimbo di due anni nigeriano di Monterotondo è morto al Sant'Andrea dopo un intervento "domestico" di circoncisione mentre il suo fratellino gemello é ricoverato nella stessa struttura ospedaliera in prognosi riservata.  La procura di Tivoli ha disposto l'arresto di un cittadino statunitense di origine libiche di 66 anni, ritenuto responsabile dell'intervento sui due fratellini. 

LEGGI ANCHE Bimbo deceduto per circoncisione, madre disperata: «Mi è morto tra le braccia»

Nei suoi confronti i pm contestano i reati di omicidio preterintenzionale, lesioni gravissime ed esercizio abusivo della professione medica. «Nel corso della perquisizione presso l'abitazione dell'arrestato - afferma il procuratore Francesco Menditto -, svolta dagli uomini della squadra mobile di Roma, sono stati sequestrati oggetti da cui si desume l'abitudine della condotta contestata». Gli inquirenti hanno disposto anche l'autopsia sul corpo del piccolo deceduto.

La madre dei due gemellini nigeriani di Monterotondo - nati a Latina nel gennaio 2017 - ha altri 5 figli in Nigeria, a quanto si apprende. La donna, titolare di protezione umanitaria, è giunta nella casa di Monterotondo a metà novembre. Gli operatori dello Sprar sostengono di non aver avuto alcun sospetto che la nigeriana volesse sottoporre i figli a circoncisione. La donna faceva scuola d'italiano a Roma. Era «tranquilla, sveglia ed educata», riferiscono gli operatori.

La madre è disperata, piange e non si dà pace, ha visto morire tra le proprie braccia il figlio di nemmeno due anni. Prima di arrivare nell'appartamento di Monterotondo la donna era stata ospite per oltre un anno di un Centro di accoglienza straordinario (Cas) a Rieti e sembra che in quel periodo avesse chiesto alla pediatra informazioni sulla possibilità di sottoporre i figli alla circoncisione.

Dopo il rifiuto del medico non erano stati seguiti. Ai responsabili dello Sprar di Monterotondo dell'Arci di Roma non aveva mai fatto cenno di volere fare circoncidere i bambini. Gli operatori che hanno avuto contatti con la donna la descrivono ipersensibile, attentissima ai propri figli, che aveva regolarmente vaccinato ed accompagnava all'asilo sempre puntuale. La nigeriana - che nel suo Paese lavorava in una ong - teneva solitamente uno dei due gemelli sulle spalle, con la tradizionale imbracatura africana. È cattolica e nei giorni scorsi aveva addobbato un albero di Natale nella sua camera. Divideva l'appartamento con altre due donne beneficiarie di protezione, entrambe con un figlio.

Sono 9 gli appartamenti che l'Arci di Roma gestisce con il Comune a Monterotondo. Usufruiscono dell'accoglienza esclusivamente donne vulnerabili con eventuali bambini: una trentina i posti disponibili. Le beneficiarie vivono in piena autonomia nelle case. È permesso ricevere visite tra le 8 di mattina e le 20, ma solo con l'autorizzazione degli operatori. Non sono invece ammesse visite nelle ore notturne. Gli operatori hanno pieno accesso agli appartamenti e vi si recano periodicamente per controlli. Nell'ambito del progetto le beneficiarie fruiscono di tirocini professionali, corsi di formazione, corsi d'italiano, nonché di scuole ed asili per i bambini.

Ultimo aggiornamento: 24 Dicembre, 11:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma