Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimbo morto dopo circoncisione, migliorano le condizioni del gemello

Gemelli circoncisi a Monterotondo, migliorano le condizioni del bambino sopravvissuto
di Luca Calboni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Dicembre 2018, 10:41 - Ultimo aggiornamento: 11:40

Migliorano le condizioni del piccolo bambino nigeriano di Monterotondo, che era stato sottoposto a una circoncisione rituale insieme al gemello di due anni: David, il nome di quest'ultimo, è morto ieri a causa della vasta emmorragia causata dall'operazione. Il bambino sopravvissuto ieri è stato trasportato d'urgenza all'ospedale Sant'Andrea e poi al policlinico Gemelli di Roma: a tutt'ora il piccolo resta ricoverato in terapia intensiva pediatrica, ma le sue condizioni sarebbero stabili

La madre disperata: «Mi è morto tra le braccia»

La polizia ha intanto arrestato il sedicente medico che ha effettuato l'operazione: si tratterebbe di un cittadino americano di origini libiche. I pm della procura di Tivoli ipotizzano i reati di omicidio preterintenzionale,
lesioni gravissime ed esercizio abusivo della professione medica. La vicenda è avvenuta ieri a Monterotondo, città alle porte di Roma, in una struttura gestita dal Comune e dall'Arci. La madre dei due bambini intanto è disperata: piange e non riesce a darsi pace, dopo aver visto morire fra le sue braccia uno dei suoi figli. Gli operatori del centro che l'hanno conosciuta la definiscono come una madre modello: ipersensibile, attentissima ai propri figli, che aveva

regolarmente vaccinato ed accompagnava all'asilo sempre puntuale.


Stando a quanto emerge dalle indagini la donna sarebbe stata ospite per circa un anno di un Centro di accoglienza straordinaria (Cas) di Rieti: lì chiese informazioni al personale medico sulla possibilità di poter eseguire una circoncisione sui suoi figli. Al rifiuto dei sanitari, la donna non avrebbe mai più presentato alcuna richiesta a riguardo, neanche quando si sono trasferiti alla struttura di Monterotondo. La morte del piccolo David riaccende la questione sulla pratica della circoncisione: secondo l'Amsi - l'associazione nazionale dei medici stranieri - circa il 35% di questi interventi avverrebbe in maniera clandestina, arrivando anche alla morte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA