Campus Biomedico, nasce "Cubo": il nuovo edificio didattico dell'Università a energia quasi zero

Con circa 10.000 nuovi mq e 38.000 mq di verde pubblico cresce l'Ateneo della Capitale

A Trigoria nasce "Cubo", il nuovo edificio didattica dell'Università Campus Bio-Medico di Roma a energia quasi zero
6 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Ottobre 2021, 15:59 - Ultimo aggiornamento: 16:04

Nasce un nuovo edificio didattico per l'Università Campus Bio-Medico di Roma che riconnetterà il tessuto urbano alla riserva naturale di Decima Malafede. Celebrato oggi il momento della posa della prima pietra del nuovo edificio in una cerimonia alla quale hanno partecipato Felice Barela, Presidente UCBM, Raffaele Calabrò, Rettore UCBM, Giuseppe Garofano, Presidente CBM SpA, Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, Gianni Letta e Giancarlo Giorgetti, Ministro dello Sviluppo Economico con un video intervento. 

Un "Cultural box" per la crescita degli studenti

Si chiamerà “CUBO” il nuovo edificio della didattica dell’Università Campus Bio-Medico di Roma che si svilupperà su una superficie di circa 10.000 metri quadrati ad alta sostenibilità e una dotazione di verde pubblico di 38.000 mq. I lavori della nuova “Cultural Box” sono partiti a giugno 2021 nell’area tra il Policlinico Universitario e il Polo di Ricerca Avanzata in Biomedicina e Bioingegneria. L’edificio sarà fruibile per l’anno accademico 2022/23: con “CUBO” cresce il campus universitario posto tra il quartiere di Trigoria e la Riserva Naturale di Decima Malafede grazie a un grande progetto di riqualificazione territoriale sostenibile.

La riqualificazione territoriale sostenibile, architettonicamente ed energeticamente, è al centro del progetto di ampliamento dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, il Piano di sviluppo “PiùCampus” al 2045, che porterà gradualmente al raddoppio delle strutture dell’ateneo dedicate alla didattica, alla ricerca, all’assistenza medica e alla irradiazione culturale.

Un progetto in grado di riconnettere la città con la più grande area verde protetta di Roma dando vita a un parco universitario unico nel suo genere. Con il nuovo edificio della didattica l’Università Campus Bio-Medico di Roma si arricchisce di un innovativo spazio per offrire occasioni di studio e crescita ai professionisti di domani più richiesti dal mercato del lavoro come medici, operatori sanitari, ingegneri biomedici, industriali, chimici per lo sviluppo sostenibile ed esperti di intelligenza artificiale ma anche ai professionisti della nutrizione, manager di filiera e tecnologi alimentari.

Gustibus Alimentari colloca minibond sostenibile da 2 milioni di euro

Un progetto in piena sintonia con i valori sui cui si fonda l’Università Campus Bio-Medico di Roma, nata nel 1993 con l’obiettivo di realizzare una realtà universitaria capace di offrire un valido percorso di formazione professionale e umana e di rispondere ai bisogni della persona a trecentosessanta gradi. Un grande progetto di formazione, assistenza e ricerca scientifica riunite dal motto “La scienza per l’uomo”.

«Con l’avvio dei lavori del nuovo edificio della didattica “CUBO” l’Università Campus Bio-Medico di Roma dà impulso allo sviluppo di una ampia porzione del territorio di Roma Sud, caratterizzandolo nella qualità infrastrutturale e ambientale degli spazi – ha ricordato il presidente Felice Barela - Al centro della nostra azione sono il valore delle relazioni, il benessere della persona e il rispetto della natura, con l’obiettivo di dare ai fruitori dell’Università, del Policlinico Campus Bio-Medico e dell’intera Capitale nuovi spazi e una maggiore vivibilità della Riserva Naturale Regionale di Decima Malafede. Ma questo non è solo un edificio in più, un aumento di spazio. È un elemento che si inserisce in un piano di lungo termine (Masterplan 2045) e un tassello importante del piano strategico 2021-2023, elaborato nei mesi scorsi, che si viene a trovare in grande consonanza con le linee strategiche indicate dal PNRR e dal NGEU».

«Negli ultimi cinque anni, nonostante la pandemia, il nostro ateneo ha visto una forte crescita dell’offerta formativa e del numero di studenti che partecipano attivamente alla vita universitaria – ha spiegato il rettore Raffaele Calabrò – passando dai 1700 agli oltre 2200 attuali, con una rapida crescita prevista per i prossimi anni. Già da tempo si sentiva l’esigenza di ampliare le strutture a disposizione dei futuri medici, ingegneri ed esperti di nutrizione e della filiera alimentare che hanno scelto Ucbm. Il nuovo edificio offrirà molteplici soluzioni per una didattica innovativa grazie alla sua struttura modulare, e si inserirà nel contesto del territorio in maniera discreta e all’insegna di una reale sostenibilità a impatto quasi zero. Il nome che è stato scelto è “Cubo”, che in qualche modo si pone in continuità con il “Trapezio”. Al di là della forma geometrica, il desiderio è che questo “CUBO” sia la sintesi e l’unione di due parole: CUltural BOx e cioè un luogo di cultura, di pensiero, di visione e di impatto a servizio della persona e della società».

«La Campus Bio-Medico Spa si occupa dello sviluppo dei nuovi progetti al servizio della crescita dell’ateneo, mettendo a disposizione le proprie risorse manageriali e imprenditoriali – ha spiegato Giuseppe Garofano, presidente di CBM Spa - I suoi azionisti sono enti no profit, imprenditori, investitori privati e istituzionali. Insieme crediamo che occorra formare persone che sappiano rispondere con passione alla propria vocazione professionale e mettersi al servizio della società. All’interno del CUltural BOx vi saranno ingegneri, esperti di sostenibilità, infermieri, la nostra futura classe dirigente, ricercatori e medici che cureranno pazienti e si faranno carico di rapporti umani, di relazioni con i malati e i familiari. Ci saranno persone che amano il proprio lavoro e il mondo appassionatamente e che non smetteranno, ne sono certo, di contribuire a rinnovarlo». 

L'edificio sostenibile

Una delle principali caratteristiche del nuovo edificio sarà quella di essere “ad Energia Quasi Zero” classificabile NZEB (Nearly Zero Energy Building) e certificabile in classe A2 secondo la normativa sull’efficienza energetica. L’edificio non utilizzerà sistemi di produzione del calore a combustione, raggiungendo così lo Scope 1 del Protocollo di sostenibilità ambientale redatto a livello internazionale (Greenhouse Gas Protocol) per il raggiungimento di neutralità (Carbon Neutral – Carbon Zero) in merito alle emissioni di CO2. Il calore sarà fornito dal trigeneratore del Policlinico Universitario mentre il freddo sarà prodotto da impianti refrigeranti capaci di ridurre i consumi energetici del 50 per cento.

Le aree verdi della Riserva naturale di Decima Malafede si integreranno maggiormente con quelle presenti all’interno del perimetro dell’Università. Nuove aree di verde pubblico saranno create e curate dall’Università Campus Bio-Medico di Roma per rendere ancora più fruibile il territorio e riconnettere il quartiere di Trigoria alla Riserva Naturale, patrimonio di tutti i cittadini.

Il nuovo edificio, il primo del Masterplan al 2045, è stato progettato dallo studio Labics, vincitore insieme a Topotek1 del Concorso Internazionale di progettazione “UCBM Masterplan International Design Competition” bandito dalla Campus Bio-Medico SpA, e verrà realizzato da Impresa Percassi SpA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA