Ardea, prende a morsi la moglie incinta: arrestato

Sabato 20 Febbraio 2021 di Stefano Cortelletti
Ardea, prende a morsi la moglie incinta: arrestato

Si è presentata l’altra sera al pronto soccorso dell’ospedale di Anzio piena di lividi e morsi. 19 anni, ormai prossima al parto del suo primo figlio, era in pericolo di vita. A ridurla in quello stato erano state le botte datele dal compagno 21enne, che è stato arrestato dai carabinieri della tenenza di Ardea con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. Era stato il padre di lui, di origine tunisina, a segnalare alla centrale operativa dei carabinieri che era in corso una accesa lite tra il figlio e la compagna, incinta di 8 mesi, nel loro appartamento di Tor San Lorenzo, ad Ardea. Al loro arrivo, i militari i si sono trovati di fronte a una situazione ben più grave: la giovane riversa a terra, il compagno fuori di sé a causa dell’abuso di alcool e di sostanze stupefacenti che continuava a urlare. Immediatamente è scattata la chiamata al 118, che ha provveduto a soccorrere la 19enne, portata in codice rosso prima al pronto soccorso dell’ospedale Riuniti di Anzio, poi trasferita presso il reparto ginecologia dell’ospedale “San Camillo”, dove è ancora ricoverata, fortunatamente fuori pericolo di vita. Sta bene anche il bambino che porta in grembo, di 33 settimane. I carabinieri hanno poi appurato che da circa sei mesi la giovane, originaria di Anzio e da un anno domiciliata ad Ardea per stare vicina al compagno, subiva costantemente aggressioni dall’uomo, di professione muratore e con precedenti legati alla droga, con insulti, minacce e percosse, l’ultima delle quali, l’unica che risulti essere stata denunciata, avvenuta nel corso della notte di giovedì. Una discussione nata, come sempre, per futili motivi e degenerata in morsi, schiaffi e calci ma che ha rischiato di trasformarsi in tragedia, evitata grazie all’arrivo dei militari della compagnia di Anzio. Il 21enne ora si trova nel carcere di Velletri, questa mattina sarà processato per direttissima al tribunale di Velletri. Storie di uomini che maltrattano le donne sono purtroppo frequenti tra Anzio, Ardea e Nettuno, violenze che in alcuni casi rischiano di essere letali. Solo pochi mesi fa, il 14 settembre scorso era giunta al pronto soccorso di Anzio una 34enne che era stata accoltellata dal fidanzato al culmine di una discussione in auto al porto di Anzio. L’uomo, 40enne di Aprilia, era poi fuggito lasciando la compagna in auto sanguinante, soccorsa da un passante che, mettendosi alla guida della stessa auto, la portò in ospedale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA