Anzio, Tor Caldara, raddoppia l'area protetta

Martedì 1 Dicembre 2020 di Antonella Mosca
Anzio, Tor Caldara raddoppia l'area protetta

Raddoppia la Riserva Naturale Regionale di Tor Caldara, sul litorale di Anzio, a cui si aggiungeranno i 55 ettari di verde della Vignarola. Insomma, messo a segno un punto a favore della tutela di questa zona a confine con Lavinio, con l’approvazione in Commissione Agricoltura e Ambiente della Regione Lazio della proposta di legge 189/2019 per l’ampliamento della perimetrazione. Notizia che ha fatto volare in alto l’ottimismo dei tanti cittadini del Comitato “La Vignarola nel cuore”, nato nel 2015 proprio per tutelare quella distesa di prati, lievi colline, acquitrini, boschetti, zone rurali. Il secondo e atteso passaggio è in Consiglio Regionale, a cui spetta la decisione definitiva.

«Siamo contentissimi - dice Anna Tomassetti, portavoce del Comitato - il primo obiettivo è raggiunto ed ora speriamo che la legge vada celermente in Consiglio Regionale, con un esito positivo. Una bella notizia, dopo 5 anni di attività, incontri, manifestazioni, richiesta di pareri legali. Ringraziamo il consigliere regionale Daniele Ognibene, che ha presentato la proposta di legge e tutti i consiglieri che l’hanno approvata in Commissione». Proprio il 5 dicembre 2015 si tenne la prima manifestazione davanti l’ingresso della Riserva di Tor Caldara per chiedere che alla Vignarola fosse rispettato il Piano Regolatore, che ne prevede circa 15 ettari edificabili e gli altri vincolati a verde. Il Comune aveva varato una variante per «spalmare» l’edificabilità - senza aumenti di cubatura - su tutta l’area, anche quella con il vincolo. E i cittadini del Comitato si tassarono per pagare il ricorso al Tar del Lazio. Ora però la vicenda è chiusa, dato che l’attuale amministrazione comunale ha revocato la proposta di variante. «La Vignarola - dice il sindaco, Candido De Angelis - ha un grande valore ambientale, agricolo e paesaggistico. E il Piano Regolatore prevede l’edificazione solo in una porzione compatta dell’area, in cambio della cessione di 55 ettari a verde pubblico. Siamo soddisfatti dell’approvazione della legge in Commissione regionale. Vorremmo, in futuro, che pur inserita nella Riserva Naturale Regionale di Tor Caldara, parte della Vignarola possa essere utilizzata a verde pubblico». L’argomento - insieme a quello di un direttore pro tempore della Riserva - ieri era anche nell’ordine del giorno presentato in Consiglio Comunale dal consigliere Flavio Vasoli.

Poi ritirato, per essere discusso meglio nella Commissione Ambiente del Comune, perchè non tutti i gruppi avevano potuto analizzarlo in modo approfondito. La proposta di Legge regionale 89/2019, depositata dal consigliere Ognibene di Leu, in Commissione è passata a maggioranza dopo un dibattito anche con interventi dell’assessore regionale all’Agricoltura Enrica Onorati e del direttore regionale settore Parchi, Vito Consoli. «Ho saputo - dice il sindaco - che la Regione si doterà di un nuovo Regolamento sui parchi e contiamo che i Comuni interessati possano dire la loro. Intanto attendiamo il voto del Consiglio regionale sulla Vignarola e risposte sull’attuazione del Sito di interesse comunitario a tutela, anche, dell’area marina antistante Tor Caldara». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA