"Scatto libero" si mette in mostra, a Rebibbia esposte le foto scattate dai detenuti

Mercoledì 10 Ottobre 2018
Dare ai detenuti la possibilità di utilizzare la fotografia e le sue potenzialità all'interno delle mura del carcere.  Il progetto "Scatto Libero" si mette in mostra: sabato 13 ottobre e domenica 14 ottobre saranno esposte presso la terza Casa Circondariale di Rebibbia, in via Bartolo Longo a Roma, le fotografie scattate dai detenuti del carcere.

Lo scopo dell’iniziativa, totalmente di volontariato, è quello di far conoscere le potenzialità del mezzo fotografico a coloro che non hanno opportunità di utilizzarlo. Il progetto, ideato dalla fotografa Tania Boazzelli, ha messo a disposizione di ogni detenuto una macchina, un rullino fotografico e la possibilità di scattare negli spazi comuni del carcere. Uno scatto libero per raccontarsi e trasmettere un messaggio personale che impressioni la pellicola, ma anche gli occhi e la sensibilità dello spettatore.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani