Roma, notte di terrore a Termini, manager della regione Lombardia presa a calci e pugni per un cellulare

Giovedì 1 Febbraio 2018 di Marco Carta
Un viaggio di lavoro che si è concluso al pronto soccorso del Vannini. Aggredita e rapinata nel cuore di Roma a pochi passi dall'albergo prenotato per la notte. Una «vacanza romana» che Manuela Giaretta, direttore della centrale di programmazione, finanza e controllo di gestione della Regione Lombardia, non potrà dimenticare. Da Palazzo Lombardia, il grattacielo di 161 metri che ospita a Milano gli uffici della regione, la super dirigente era venuta a Roma per un impegno presso il ministero. Voleva godersi qualche ora di riposo, dopo un pomeriggio di lavor. Ma quella passeggiata a ridosso dell'ora di cena dello scorso martedì, si è trasformata in un incubo. «Sono stata scaraventata contro il muro. Presa a calci e pugni alle spalle». Quando la manager viene aggredita si trova in via Cernaia, una parallela di via Venti Settembre, la strada vicino alla stazione Termini, dove ha sede il Ministero dell'economia. Un nuovo episodio di violenza nella zona della stazione Termini. Via Palestro, viale Castro Pretorio, piazza Indipendenza, via dei Mille, un quadrante che fa paura: da settmbre del 2017 a un mese fa sono stati aggrediti un turista tedesco, un'altra ragazza è stata minacciata e aggredita con un coltello e una finlandese è stata violentata.

IL FATTO
Il rapinatore, un marocchino di 34 anni, dopo averla colpita le strappa di mano lo smartphone e poi scappa. È convinto di averla fatta franca. Non sa che un giovane italiano ha assistito alla scena. E che, dopo aver avvisato le forze dell'ordine, si è messo ad inseguirlo sul motorino per non perderlo di vista. Quando i poliziotti del commissariato Castro Pretorio riescono ad arrivare sul posto. Nascosto sotto una siepe, in via Parigi vicino al luogo dell'aggressione, viene preso. «Non ho fatto niente. Non sono stato io», ha provato a difendersi. Ma la Giaretta, nonostante gli attimi concitati dello scippo, ha il suo volto scolpito nella testa e lo riconosce nitidamente mentre lo vede sfilare a bordo della macchina degli agenti di Torpignattara. «È lui, sono sicura», dice la dirigente, che dopo una carriera in regione iniziata nel 1999, tre anni fa con la presidenza di Maroni, è stata nominata direttore dell'area finanziaria, una posizione analoga a quella ricoperta nell'ultimo mandato dell'ex presidente Formigoni.

DAL GIUDICE
Arrestato con l'accusa di rapina e lesioni, ancora ieri, il marocchino nel corso della direttissima ha negato ogni cosa, forte del fatto che quel cellulare sottratto alla Giaretta non è stato ritrovato: «Non sono stato io». Ma la sua versione non è stata ritenuta credibile dal giudice monocratico. Già nel passato l'uomo si era macchiato di reati analoghi: meno di due settimane fa era stato scarcerato da Rebibbia, dove ieri è tornato in attesa del processo. Alla donna sono state riscontrate contusioni ad una mano e ad un ginocchio, guaribili in 4 giorni. Per cancellare il ricordo di questa maledetta notte romana, di tempo ce ne vorrà forse molto di più.
  Ultimo aggiornamento: 2 Febbraio, 23:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il ritorno della grillina Alisia dall’Olanda a Strasburgo

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma