Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, omicidio in pieno centro: massacra la compagna e si costituisce

Roma, omicidio in pieno centro: massacra la compagna e si costituisce
di Veronica Cursi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Maggio 2017, 10:47 - Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 20:27

Omicidio a Roma. Ha fracassato la testa della sua compagna colpendola varie volte mentre lei era nel letto, forse mentre dormiva. Poi è uscito di casa, un palazzo signorile a pochi metri da piazza di Spagna dove vivevano insieme, ed è andato nella caserma dei carabinieri più vicina: «Correte, ho ucciso la mia fidanzata».

Sono le 5.45  quando i carabinieri della compagnia Roma centro si trovano davanti alla tremenda confessione. Nella casa indicata dall'uomo, in vicolo del Babuino 7, la scena che si trovano davanti è davvero agghiacciante: la donna Michela Di Pompeo, 47 anni, insegnante di italiano alla scuola germanica di Roma, è riversa sul letto in un lago di sangue: ha il cranio fracassato.

 

L'uomo Francesco Carrieri, 55 anni, dirigente del Banco Popolare, viveva con lei da tempo. I due erano in affitto. I vicini raccontano di averli sentiti spesso litigare e urlare in casa. Entrambi avevano figli da precedenti matrimoni. L'uomo è stato ascoltato dal magistrato e ha confessato di averla uccisa per gelosia: lei voleva lasciarlo, negli ultimi tempi il rapporto non andava più e lui era entrato in depressione. Ancora non è chiaro come sia avvenuto il delitto: se l'uomo l'abbia colpita con un peso da palestra mentre dormiva o al culmine dell'ennesimo litigio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA