Roma, Mondo di Mezzo, chiesto il rinvio a giudizio per 21 persone: c'è anche Carminati

Mercoledì 24 Gennaio 2018
La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per 21 persone nell'ambito della terza tranche dell'inchiesta denominata Mondo di Mezzo. Tra le persone per le quali i pm di piazzale Clodio hanno chiesto il processo anche Massimo Carminati, Gennaro Mokbel e il direttore de «Il Tempo» Gian Marco Chiocci, quest'ultimo accusato di favoreggiamento.

La richiesta di rinvio a giudizio è firmata dal Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, dagli aggiunti Paolo Ielo, Michele Prestipino e Giuseppe Cascini e dal sostituto Luca Tescaroli. Tra le persone raggiunte dalla richiesta di rinvio a giudizio non c'è Luca Odevaine, già componente del Tavolo di coordinamento nazionale insediato presso il ministero dell'Interno, che ha chiesto il patteggiamento. La richiesta di processo arriva a poche settimane dall'inizio del giudizio d'Appello per il filone principale che è fissato al 6 marzo e riguarda una quarantina di persone.

Nella terza tranche dell'inchiesta sul Mondo di mezzo a nessuna delle persone coinvolte è contestata l'associazione per delinquere di stampo mafioso né quella semplice. Ad alcuni è contestata l'aggravante mafiosa e, a vario titolo, i reati di corruzione, usura, turbativa d'asta, favoreggiamento, trasferimento fraudolento di valori. Nel processo sulla prima parte dell'inchiesta i giudici nella sentenza, che comminò in tutto 250 anni di carcere, fecero cadere l'accusa di associazione mafiosa.
Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio, 14:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma