Roma, la saga infinita del centro carni sulla Togliatti, la maggioranza pressa Gualtieri: «Avanti con il rilancio»

Il Mercato all’ingrosso delle carni di via Palmiro Togliatti 1280 nel V municipio non trova pace

Roma, la saga infinita del centro carni sulla Togliatti, la maggioranza pressa Gualtieri: «Avanti con il rilancio»
di Raffaele Marra
3 Minuti di Lettura
Sabato 12 Novembre 2022, 09:39 - Ultimo aggiornamento: 13:01

Centro carni ultimo atto o almeno si spera. Il Mercato all’ingrosso delle carni di via Palmiro Togliatti 1280 nel V municipio non trova pace. L’ultimo atto è arrivato con la mozione di qualche settimana fa a firma dei consiglieri di maggioranza che ha sollecitato il sindaco Gualtieri a dare seguito a quanto stabilito lo scorso giugno con il ritorno del sito interamente in Ama. Oggi il centro dà lavoro a circa 1.000 persone e movimenta oltre 30 milioni di carne l’anno, oltre ad ospitare i 100 operatori del mercato dei Fiori che dal Trionfale si trasferiranno (anche se solo temporaneamente) al centro carni della Togliatti.

Roma, nuovo mercato dei fiori in via Togliatti peggio che al Trionfale: «Un trasloco nel degrado»

 

La richiesta è quella di far rientrare i 24.000 metri quadri di spazi non utilizzati del centro carni (fatto con il fondo in passato che aiutò a fare cassa ad Ama) nelle casse del Comune. Sul destino del centro carni si discute ormai da oltre 15 anni, al centro del dibattito la possibilità di vendere la proprietà o farla rientrare nella gestione del Comune? Questo è il dilemma. E arriviamo a giugno quando la giunta ha approvato una delibera finalizzata a far rientrare il centro nella disponibilità di Ama e quindi del Comune scartando definitivamente la vendita ai privati. « L’operazione finanziaria nasce da lontano, più di dieci anni fa - dice Daniele Rinaldi consigliere di Fdi del V municipio - fatta per non far fallire Ama, però c’era il rischio che la valorizzazione degli spazi ne facessero perdere la destinazione attuale. Il fondo a cui era stato affidato ha solo patrimonializzato permettendo di far mettere a bilancio ad Ama il valore di questo ipotetico sviluppo aiutandola nella gestione amministrativa». Una parte del centro è dell’Ama e rimarrà a lei quella parte dove ha anche gli uffici (la parte che si affaccia verso Tor Sapienza, ndr), l’altra tornerà nella disponibilità del Comune di Roma. La saga continua…

© RIPRODUZIONE RISERVATA