Beffa Campidoglio, premi ai dirigenti per avviare appalti

Virginia Raggi
di Fabio Rossi
Usare parte dei fondi destinati al salario accessorio dei dipendenti del Campidoglio, quelli destinati ai premi di produttività, per incentivare dirigenti e funzionari comunali a partecipare alle commissioni aggiudicatrici degli appalti pubblici. Un problema non di poco conto, visto che l’amministrazione capitolina si trova con decine di milioni di fondi bloccati proprio a causa delle difficoltà di portare a termine le gare. Il motivo? Ufficialmente le sedute saltano per malattie dei componenti, altri impegni...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 10 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2018 19:07

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-08-11 17:31:30
Dovreste studiare la materia un poco di più, il buon esito di un appalto con impiego di milioni di denaro pubblico, prevede prestazioni altamente professionali, a livello dei migliori notai, commercialisti, avvocati, ingegneri ed oltre. E' un lavoro molto delicato e complesso che espone il commissario di gara a notevoli rischi contabili, patrimoniali e penali, cose che oltrepassano le mansioni tipiche del dipendente, che tra l'altro sono diventate sempre più complicate. Un professionista esterno al comune, per questo lavoro chiederebbe una parcella decisamente elevata: ma non lo sapete quanto è difficile capire ed applicare correttamente il codice degli appalti e le norme collegate? Oggi non è più tempo di travet, ma di personale adeguatamente formato e preparato, con tanto di assicurazione contro rischi professionali. Aspetto che nell'articolo non è minimamente menzionato, mentre si punta sullo scandalo e sulla colpevolizzazione gratuita dei dipendenti. Una città moderna ha bisogno di un' amministrazione efficiente che deve essere composta da personale valido, motivato e remunerato, altrimenti non si va da nessuna parte. Chi dice il contrario è in malafede, poi non ci lamentiamo, se succede come con l'asino di buridano che alla fine è schiattato.
2018-08-10 17:14:19
Cosa ci trovate di strano? Sono forse da preferire i premi a pioggia di stampo piddino?
2018-08-10 16:04:47
Non c'è nessuna beffa: partecipare alle commissioni di gara, anche se ti comporti in modo immacolato, espone a denunce, a processi, al fango mediatico, all'accostamento con gente che ne ha fatte di tutti i colori. Capisco benissimo chi si tiene alla larga. Paolo Diamante Roma
2018-08-10 11:09:42
Per questa notizia aprite il POST, ma per quella dei Rom che se la comandano da decenni con le giunte di sinistra NO?
4
  • 1,1 mila
QUICKMAP