Vaccini per l'influenza introvabili a Roma, lettera “beffa“ dalla Regione: «Fateli, è importante»

Una dottoressa con una siringa pronta per l'inoculazione del vaccino antinfluenzale
di Luca Lippera
3 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Novembre 2020, 11:46 - Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 12:57

E alla fine è arrivata anche una "beffa" crudele. Decine di migliaia di assisiti delle Asl di Roma - mentre l'antinfluenzale è praticamente introvabile in tutta la città - stanno ricevendo proprio in questi giorni una lettera che li sollecita «a vaccinarsi contro l'influenza» perché «mai come quest'anno è doppiamente importante». La busta arriva con la posta a casa. In alto a sinistra, dove c'è l'intestazione, è stampato il simbolo della Regione Lazio. In basso a destra la firma, autografa, del presidente della Pisana Nicola Zingaretti. «Quest'anno - dice la lettera agli assistiti - il virus influenzale circolerà contemporaneamente al Coronavirus.Anche per questo motivo la vaccinazione è fortemente raccomandata a partire dai 60 anni di età, oltre ad essere sicura e gratuita». Migliaia di persone, specialmente anziani, non sanno più a che santo votarsi perché il vaccino non si trova e i medici di base non possono letteralmente fare nulla per loro. Almeno 250 mila persone, quasi tutti appartenenti alle cosiddette categorie a rischio, non hanno potuto fare la dose.

Covid, Nicola Piovani: «Ho visto i medici lavorare, così è aumentato il mio disprezzo verso i negazionisti»

La Regione sostiene che una parte dei vaccini prodotti dal colosso francese Sanophi Pasteur sono stati bloccati alla dogana per un controllo di qualità dall'Agenzia del Farmaco Francese e che per questo non sono arrivate tutte le forniture per coprire il fabbisogno di Roma. Per la Capitale mancherebbero 500 mila fiale. La Regione ha diramato la notizia di una diffida alla multinazionale francese. Ora, comunque siano andate le cose, e comunque finiscano (la gente ancora sta aspettando), spunta la lettera per posta. La busta porta la data del 9 novembre scorso e sta arrivando ora a destinazione un po' ovunque proprio mentre le proteste per l'assenza del vaccino sono fortissime. «Caro cittadino, cara cittadina, l'influenza stagionale - si legge - non è una malattia grave ma può avere serie complicazioni per la salute, soprattutto per la popolazione anziana e per chi soffre di altre patologie. Il vaccino si è dimostrato efficace e sicuro. Ti invitiamo a consultare com fiducia il medico di famiglia. Proteggi te stesso e gli altri. Aiuti i medici, gli infermieri e tutto il personale in lotta contro il Covid 19». Nelle Asl Rm1 (Centro e Roma Nord), Rm2 (periferia Est e sud-est) e Rm3 (Portuense, Ostia e Fiumicino), i medici, che in questo caso non hanno alcuna colpa, allargano sconsolati le braccia. Hanno saputo della lettera dai pazienti. Non c'è nulla da aggiungere.

Coronavirus, il vaccino AstraZeneca ha bisogno di nuovi test

© RIPRODUZIONE RISERVATA