Terremoto, crollo delle palazzine
Ater di piazza Sagnotti: i familiari
delle vittime nominano un legale

Martedì 22 Novembre 2016
RIETI - Sarà l'avvocato Wania Della Vigna ad assistere i familiari di 15 vittime dei crolli delle due palazzine ex Iacp collassate, con il sisma del 24 agosto, in piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice. L'avvocato, già legale dei familiari delle vittime del crollo del 6 aprile 2009 della casa dello studente a L'Aquila, ha ricevuto mandato nei giorni scorsi e si è già recata in Procura a Rieti a incontrare gli inquirenti.

«Tutte e tre le palazzine - spiega lo stesso legale in una nota - erano state costruite da enti pubblici: due erano le palazzine gemelle (ex Ater) costruite, intorno agli anni Settanta, dall'Istituto autonomo casa popolari di Rieti. L'altra palazzina era stata costruita con fondi statali con Gestione Ina Casa. Lascia sconcertati il fatto che gli edifici vicini, di proprietà esclusivamente privata, costruiti anche in epoca antecedente a queste palazzine, anche se danneggiati, sono ancora in piedi e in essi non sono state registrate vittime. Come osservano tutti i tecnici consultati - prosegue il legale - sarebbero dovuti crollare tutti». 

«In realtà - prosegue l'avvocato Della Vigna -, è ragionevole dubitare che il discrimine tra edifici ex Ater o Ina Casa crollati e edifici privati rimasti in piedi non è rappresentato dalla severità del terremoto, bensì potrebbe derivare dai vizi progettuali, dalle carenze costruttive, dagli errati interventi di manutenzione che possono caratterizzare in negativo gli edifici pubblici. Potrebbe, quindi, venire in evidenza che la costruzione di questi edifici probabilmente non era rispettosa dei coefficienti di sicurezza tanto da non poter essere considerato idoneo a sopportare alcun tipo di sollecitazione».

Per queste ragioni i familiari delle vittime delle tre palazzine collassate in piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice hanno incaricato l'avvocato Della Vigna di presentare degli esposti e denuncie-querele alla Procura della Repubblica di Rieti affinché si accerti «la valutazione circa la vulnerabilità genetica di ciascun manufatto, i possibili aggravamenti delle condizioni di dissesto statico nel corso degli anni, a seguito di interventi straordinari eseguiti avuto riguardo al rispetto delle norme antisismiche e di sicurezza, i controlli e le vigilanze eseguiti». Il legale dei familiari delle vittime di piazza Sagnotti ha annunciato inoltre che «si stanno svolgendo indagini difensive con la collaborazione di consulenti di parte, che metteranno le loro conoscenze a disposizione della Procura». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chi tira tardi per spiare i cellulari

dei figli, con l’incognita password

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma