Real Rieti sconfitto 3-2 da Asti ai rigori
in gara 2 della finale scudetto
Commenti, pagelle / Le foto

Real Rieti - Asti
di Jacopo Persico
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2016, 22:36 - Ultimo aggiornamento: 23:42

RIETI - Solo tanta amarezza. Il Real Rieti cade nuovamente ai tiri di rigore e ancora una volta con l’Asti, dopo i quarti di finale delle Final Eight di Coppa Italia: al PalaSanNicolò di Teramo termina 3-2 in favore dei piemontesi, dopo che i reatini avevano agguantato l’1-1 con Rafinha a 5 secondi dalla sirena, come accadde con Jeffe nel pirotecnico 4-4 del PalaMalfatti in campionato. Duarte a metà della ripresa aveva firmato l’1-0. Agli uomini di Patriarca non è bastato l’encomiabile calore degli oltre 600 tifosi reatini giunti al palasport teramano. Mercoledì si replicherà con la serie sull’1-1: il fischio d’inizio di gara 3, in programma sempre al PalaSanNicolò, è fissato alle 20.30. Da valutare Jeffe: problema fisico nella ripresa per il capitano.

IL PRESIDENTE
“C’è tanta amarezza, anche se avrei preferito che sul dischetto andassero giocatori più freddi ed esperti –dichiara il presidente, Roberto Pietropaoli- Nonostante questo la squadra è stata ancora una volta encomiabile giocando con sole sei rotazioni (problema alla coscia per Jeffe nel corso della ripresa, ndr) portando l’Asti ai tiri di rigore: in questa finale i piemontesi fino a ora non ci hanno mai battuto nei quaranta minuti di gioco”.

LE PAGELLE
Micoli 7: tiene in piedi la baracca a più riprese. Para anche un tiro di rigore, ma non basta. Solo applausi.
Ghiotti 6,5: classica partita d’esperienza. Tattico.
Corsini 6,5: non va quasi mai in difficoltà sulle giocate dell’attacco piemontese. Solido.

Zanchetta 6: il bomber amarantoceleste non riesce a colpire, ma gioca un match tutto corsa e sacrificio. Esce con la maglia sudata.
Saul 6: non illumina con le sue giocate, ma mette l’anima sul parquet, nonostante l’errore dal dischetto. Non solo tecnico, ma anche lottatore.
Hector 6,5: agguanta l’1-1 a fil di sirena ed è freddo dal dischetto. Cecchino.
Jeffe 6: gioca a mezzo servizio, ma nella ripresa deve alzare bandiera bianca salvo per i minuti finali. E’ un capitano.
Rafinha 6: non gli si può rimproverare nulla perché non molla mai un pallone. I rigori li fallisce chi li tira anche se l’errore è pesante. Vietato demoralizzarsi.
Patriarca 6,5: ancora una volta non esce sconfitto dopo quaranta minuti di battaglia con la corazzata Asti. La lotteria non lo premia, ma merita solo complimenti.

IL TABELLINO
Real Rieti: Guennounna, Corsini, Ghiotti, Romano, Jeffe, Martinelli, Hector, Liistro, Zanchetta, Micoli, Rafinha, Saul. All. Patriarca
Asti: Casassa, Romano, Follador, De Luca, Duarte, Chimanguinho, De Oliveira, Bocao, Bertoni, Crema, Nora, Espindola. All. Cafù
Arbitri: Francese di Battipaglia, Quarti di Imperia e Vidotto di San Donà di Piave.
Reti: 5’06” st Duarte, 19’55” Hector.
Sequenza rigori: De Oliveira (A) parato, Hector (R) gol, Bertoni (A) gol, Rafinha (R) parato, Duarte (A) gol, Saul (R) parato.
Note: ammoniti Follador, De Oliveira, Saul, Bocao, Espindola, Jeffe. Spettatori 1000 circa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA